venerdì 15 novembre 2019

Sul comodino della Libraia # 18

Ben ritrovati lettori di passaggio, scusate la prolungata assenza, ma contro i mali di stagione non si può fare niente! Oggi torno a farvi il punto della situazione sulle mie letture con la rubrica Sul comodino della Libraia.


LE MIE LETTURE RECENTI


Questo piovoso Novembre è iniziato in modo altalenante anche per quanto riguarda le mie letture, infatti mi sono finalmente decisa a proseguire con le lettura della serie "Diario vittoriano" di Laura Costantini e ho letto Lord Kiran di Lennox. Il primo volume della serie mi era piaciuto molto, lo avevo trovato avventuroso, coinvolgente e pieno di quel fascino tipico dei romanzi d'appendice e questo secondo volume è stato per certi versi una lettura ancora più soddisfacente, sicuramente tra le migliori letture del 2019 tanto da aggiudicarsi le 5 stelle su Goodreads, che se anche non fossero del tutto meritate, ho assegnato d'istinto e chi mi segue da un po' sa quanto sia difficile che io attribuisca ad un qualsivoglia libro il massimo dei voti VOTO: 8 e 1/2. Dopodiché ho avuto la brutta idea di leggere l'ultimo romanzo di Chiara Moscardelli, Extravergine, che avevo preso in prestito e ne sono rimasta davvero delusa. La storia di Dafne, ventinovenne pugliese trapiantata a Milano, insicura, vissuta nell'ombra ingombrante della bellissima madre e senza aver mai conosciuto il padre, goffa e ancora vergine, appassionata di letteratura rosa, che si ritroverà suo malgrado a vivere una avventura all'estero, tra criminali e agenti segreti, poteva essere sicuramente sviluppata in modo simpatico, invece il risultato è stato davvero modesto, la trama perlopiù inverosimile, il personaggio maschile stereotipato, la protagonista davvero sciocca e con poca personalità, neanche il finale è riuscito a risollevare le sorti di una delle peggiori letture dell'anno. VOTO: 5-
Dopo un'esperienza di lettura così deludente e deciso di rifarmi gli occhi e ho letto la novella Amanti. Quello che il diario non dice di Laura Costantini, un breve libro che fa da collegamento tra il secondo e il terzo volume della serie e anche questa storia mi è piaciuta molto, anche se rispetto al volumi veri e propri ci si concentra più sugli aspetti sentimentali della storia. VOTO: 7 e 1/2 e 8.

LE LETTURE SUL COMODINO


Attualmente ho in lettura Vacanza con delitto. I gialli di Vicolo Voltaire di Pierdomenico Baccalario e Alessandro Gatti e ho scelto di continuare con il quarto volume di questa serie di gialli per ragazzi, sia perché mi è stato prestato e quindi ci tengo a restituirlo a breve, sia perché nelle ultime settimane non ho avuto molta voglia di leggere e questa è una di quelle letture leggerissime che scorrono via senza pesare affatto.

Bene lettori di passaggio, fatemi sapere cosa ne pensate di questi libri, se avete letto o pensate di leggere una di queste serie e quali letture vi stanno tenendo compagnia in questi giorni!

lunedì 4 novembre 2019

BOOK AUTUNNALE

Buon inizio settimana lettori di passaggio, oggi vi aggiorno sui nuovi titoli che sono entrati nella mia libreria in questi mesi.

OMAGGI DA PARTE DEGLI AUTORI

Come forse saprete, da diverso tempo ormai non collaboro con Case Editrici, né accetto libri da autori emergenti o meno, perché il tempo, come si dice, è tiranno e preferisco riservarlo a letture a cui sono davvero interessata secondo l'umore e l'ispirazione del momento, ma negli ultimi giorni ho ricevuto inaspettatamente una mail dall'autrice Guia Risari, con la quale avevo avuto già modo di collaborare in altre occasioni, che conteneva una copia digitale del suo ultimo libro per bambini, Mamma cerca casa, un breve racconto illustrato per giovanissimi lettori. Inoltre sono stata contattata da Chiara Micozzi, una autrice, ma anche "collega" blogger che mi ha proposto la lettura del suo romanzo chick-lit. Pur non essendo una appassionata del genere e di questo Chiara ne è perfettamente cosciente, a volte mi piace inframmezzare le mie solite letture con qualcosa che esuli dalla mia confort zone, così ho accettato con entusiasmo di ricevere una copia digitale del suo lavoro.
Di seguito troverete le trame e tutti i dati riguardanti questi due libri:

Titolo: Mamma cerca casa
Autrice: Guia Risari
Illustratore: Massimiliano Di Lauro
Casa Editrice: Paoline Editoriale Libri
Dati: pp. 32, edizione cartacea €14.
Data di pubblicazione: 9 Ottobre 2019
Età di lettura: da 7 anni.

Trama: Mamma cerca casa e, si sa, la ricerca è tutt'altro che facile. Soprattutto perché lei non vorrebbe una casa qualunque, in un posto qualunque, con vicini qualunque. Mamma sogna e nel suo sogno, fatto con i piedi per terra, tutta la famiglia inizia a credere che ci siano utopie che possono diventare realtà. Già... perché questa casa è una casa aperta a tutti, in una città capace di accogliere tutti i popoli, con porte che si aprono su piazze nelle quali la gente si incontra, si stima, si rispetta pur nelle diversità di cultura, lingua e religione. Una storia intensa, poetica ed essenziale...

       Titolo: Scena 1. La vita di Angelica: Ciak, si gira!
       Autrice: Chiara Micozzi
       Pubblicato tramite: Amazon
       Dati: Formato Kindle, 985 KB, €2.99.

Trama: Angelica lavora come assistente di direzione in una      società farmaceutica, ma il suo sogno è sempre stato quello di scrivere sceneggiature. Un inaspettato colpo di "sfortuna" le permetterà di provare a realizzare il suo sogno. Riesce a trovare lavoro, sempre come segretaria, in una casa di produzione cinematografica internazionale. Decide di dare il meglio di sé per far vedere quanto vale, rischiando il tutto per tutto per sottoporre una sceneggiatura al suo capo. A complicare le cose Christian, sceneggiatore playboy e Roberto, avvocato tutto d'un pezzo. A completare il quadro dei personaggi, le sue amiche Valentina e Sara e la famiglia di Angelica, con una mamma che sa sempre tutto e una nonna molto impicciona. Inoltre, un inatteso viaggio a Key West darà la forza ad Angelica di perseguire il suo sogno e di trovare, forse, anche l'amore.
ACQUISTI CARTACEI

  • Agatha Raisin. Il prestito fatale di M.C. Beaton: questo è il 23° episodio della serie con protagonista Agatha Raisin che ho acquistato a qualche mese dall'uscita e che ho subito letto. Come sempre l'autrice e i suoi personaggi sono riusciti ad intrattenermi e a divertirmi e sono già a caccia del prossimo volume.
  • Carry on di Rainbow Rowell: In occasione dell'uscita in lingua originale del secondo volume ho approfittato degli sconti dei mesi scorsi per acquistare la prima avventura di Simon e Baz. Ho letto Carry on due o tre anni fa ormai, ma l'avevo preso in prestito e desiderando rileggerlo prima dell'arrivo del seguito anche in Italia, ho deciso di recuperarne una copia cartacea.

  • Delitto e castigo di Fedor Dostoevskij: Ebbene sì, non ha mai letto questo grande classico, in verità dell'autore ho letto solo un paio di titoli quindi ho ancora molto materiale a dispisizione con cui approfondire. Avevo già acquistato anni fa una copia di questo romanzo in un'altra edizione, ma per problemi di stampa e di impaginazione non ero mai riuscita a proseguire la lettura, quindi ho approfittato degli sconti Bur del mese scorso per accaparrami questa volume nella edizione dei Classici con la costa blu che la mia collana preferita per quanto riguarda appunto i Classici.
  • Frankentein di Mary Shelley: Stesso identico discorso vale per quest'altro romanzo di cui avevo letto solo una versione ridotta in lingua ai tempi della scuola, ma che vorrei recuperare in questa edizione integrale. Avrei voluto leggerlo nel periodo di Halloween, ma ho dato precedenza ad altro e adesso aspetterò che sia il libro a chiamarmi.
PRESTITI


Ebbene sì, visto che tra Settembre e Ottobre avevo acquistato "solo" quattro libri, ho pensato bene di approfittare della vasta raccolta di mia cugina per incrementare ulteriormente la mia Tbr mentre lei recupera volume dopo volume tutta la serie di Agatha Raisin!
  • Extravergine di Chiara Moscardelli: Mia cugina ha tutti i libri di questa autrice e io mi sono portata a casa questo che credo sia il suo lavoro più recente. La Moscardelli scrive libri davvero leggeri, perfetti per una lettura disimpegnata, soprattutto per chi in genere preferisce i toni della commedia rispetto a quelli più romance, ma non sempre mi convince.
  • Vacanza con delitto. I gialli di Vicolo Voltaire di Pierdomenico Baccalario e Alessandro Gatti: Dopo aver letto i primi tre volumi di questa serie di gialli per ragazzi, ho pensato di recuperare anche il quarto e di vedere come proseguono le avventure dei condomini detective.
Avete letto qualcuno di questi titoli? Aspetto le vostre opinioni e i vostri consigli!

mercoledì 23 ottobre 2019

Novità in Libreria a tema Halloween!

Ben ritrovati lettori di passaggio, nonostante in questo mese di Ottobre mi sia imposta una sorta di book buying ban, ovvero sono intenzionata a non comprare nessun libro durante tutto il mese, visto i numerosi acquisti fatti durante l'estate, non ho potuto fare a meno di notare alcune uscite davvero interessanti che sembrano delle perfette letture per festeggiare Halloween, quindi ne approfitto per rinfoltire con voi la mia wish list e per darvi qualche suggerimento per i prossimi acquisti.


Partiamo con la narrativa per ragazzi:


Titolo: Rebecca dei Ragni
Autrice: Olivia Corio
Casa editrice: Il Castoro
Data di uscita: 10 Ottobre 2019
Dati: pp. 295, €15.50
Trama: Quando Orlando Della Morte viene affidato ai coniugi Zabò, spera di aver trovato finalmente una famiglia felice. Del resto, sono due famosi e gentilissimi medici. Peccato solo che abbiano già quattro figli, uno più terribile dell'altro, tutti pronti a rendergli la vita impossibile. Per fortuna, però, Orlando incontra Rebecca. Certo, è una ragazzina un po' inquietante: si veste come una vecchietta, abita in mezzo al bosco con una mamma imbalsamatrice e... possibile che abbia un ragno custode sempre con sé? E poi, cosa nasconde nella soffitta di casa sua? Mentre i misteri a poco a poco si svelano, Orlando e Rebecca si ritrovano invischiati in un piano malvagio e segretissimo, da sventare a tutti i costi. Ma avranno un alleato: una creatura, molto molto grande... con otto meravigliose zampe. 


Titolo: Il treno della paura. Otto storie da incubo
Autore: Jereny De Quiot
Traduttore: Maurizio Bartocci
Illustratore: Mercè Lòpez
Casa editrice: Piemme
Data di uscita: 15 Ottobre 2019
Dati: pp. 185, €16.
Trama:  Accortosi di aver preso il treno sbagliato, un ragazzo scende alla prima fermata. È tardi, e si ritrova su una stretta banchina avvolta nell'oscurità. Sembra deserta finché non compare un uomo con un cagnolino che si offre di tenergli compagnia. Per ingannare il tempo in attesa dell'arrivo di un treno che lo riporti a casa, lo sconosciuto gli racconta delle storie. Solo che non sono semplici storie. Sono veri e propri incubi a cui non si può sfuggire, se non pagando un prezzo altissimo...


Titolo: Il Ritornante
Autrice: Paola Barbato
Casa editrice: Piemme
Data di uscita: 29 Ottobre 2019
Dati: pp. 128, €14.
Trama: Tutti hanno un gemello malvagio nascosto da qualche parte. E se ti trovassi davanti il tuo? Nel mondo esistono alcuni luoghi che portano all'inferno. Le Grotte di Arlind sono uno di questi, ed è lì che devono entrare Janice, Ian, Michael e Bo, le quattro nullità della scuola. Hanno avuto paura tutta la vita. Ma ora le cose devono cambiare.


E adesso passiamo ad una nutrita carrellata di uscite interessanti per lettori giovani e per lettori adulti che comprende anche alcune interessanti ripubblicazioni:


Titolo: Kill Creek
Autore: Scott Thomas
Casa editrice: Rizzoli
Data di uscita: 29 Ottobre 2019
Dati: €19.
Trama: In fondo a una strada sterrata, mezzo dimenticata nel cuore del Kansas, sorge la casa delle sorelle Finch. Per molti anni è rimasta vuota, abbandonata, soffocata dalle erbacce. Adesso la porta sta per essere riaperta. Ma qualcosa, o qualcuno, aspetta nel profondo delle sue ombre, e non vede l'ora di incontrare i suoi nuovi ospiti... Quando Sam McGarver, autore di best seller horror, viene invitato a trascorrere la notte di Halloween in una delle case infestate dai fantasmi più famosa del mondo, accetta con riluttanza. Se non altro, non sarà solo: con lui ci saranno altri tre acclamati maestri del macabro, scrittori che come lui hanno contribuito a tracciare la mappa moderna di quel genere letterario. Ma quella che inizia come una trovata pubblicitaria si trasformerà in una vera e propria lotta per la sopravvivenza. L'entità che hanno risvegliato li segue, li tormenta, li minaccia, fino a farli diventare parte della sanguinosa eredità di Kill Creek.


Titolo: I racconti delle tenebre
Autore: AA.VV.
Curatore: Fabio Genovesi
Data di uscita: 29 Ottobre 2019
Dati: pp. 360, €20.
Trama: Da sempre gli esseri umani intrattengono un discorso ininterrotto con il brivido. Che la si rifugga o la si insegua, che la si corteggi o la si ignori, la paura è parte di noi. E c'è una paura piú forte di quella delle tenebre? ... In questo libro – un viaggio da incubo fra gli autori che hanno fatto dello spavento un'arte – trovano spazio fantasmi, vampiri, mostri orribili e creature incantatrici, morti che tornano o che non vogliono andarsene. Ma anche amori infelici che durano oltre la tomba, maledizioni che non perdonano. Dai maestri del genere – Poe, Lovecraft e Stoker – ad autori meno noti al pubblico italiano, Fabio Genovesi prende per mano il lettore e lo precipita là dove da solo non si sarebbe mai avventurato...


Titolo: La stanza rossa e altre storie di fantasmi
Autore: AA.VV.
Curatore: Enrico De Luca
Casa editrice: Caravaggio Editore
Data di uscita: 9 ottobre 2019
Dati: pp. 168, €11.90.
Trama: Anche L. M. Montgomery cedette al fascino delle ghost stories, non solo inserendone qualcuna nei suoi romanzi più celebri, ma anche pubblicando, in tutto l'arco della sua vita, diversi racconti del soprannaturale su varie riviste. Nella presente raccolta, curata da Enrico De Luca, ne sono stati selezionati sei: "La stanza rossa"; "L'amante di Miriam", "La storia di Davenport", "La ragazza al cancello", "La festa privata a Smoky Island" e "Il fantasma dai Brixley", tutti legati dallo stile inconfondibile della creatrice di Anne Shirley (conosciuta in Italia come "Anna dai capelli rossi") e tradotti integralmente e annotati.


Titolo: Halloween
Autore: Ray Bradbury
Curatore: Massimo Scorsone
Illustratore: J. Mugnaini
Casa Editrice: Mondadori
Data di uscita: 22 Ottobre 2019
Dati: pp. 903,  €28.
Trama: Il meglio della narrativa weird di Ray Bradbury: "Il popolo dell'autunno", "L'albero di Halloween", "Il cimitero dei folli", "Ritornati dalla polvere" e decine di racconti da perderci il sonno.


Titolo: Evil
Autrice: V.E. Schab
Traduttore: N. Amatulli-C. Decaro
Casa Editrice: Newton Compton
Dati: pp. 408, €12.
Trama: Il destino di Victor è intrecciato a quello di Eli sin dai tempi dell'università, quando la loro comune sete di conoscenza, unita a una sfrenata ambizione, si rivelò fatale. Gettandosi a capofitto in una ricerca sull'adrenalina e le esperienze ai confini della morte, fecero una straordinaria scoperta: a determinate condizioni, è possibile sviluppare poteri soprannaturali. Ma le cose precipitarono... Sono passati dieci anni da allora e Victor è evaso di prigione, determinato a trovare il suo vecchio amico. Eli ha dedicato la vita a cercare di rimediare al loro errore, dando la caccia a chiunque abbia abusato dei poteri soprannaturali. Il sodalizio di un tempo si è tramutato in rivalità e i due arcinemici sono pronti a fronteggiarsi una volta per tutte, mentre all'orizzonte si prospetta uno scontro di forze terribili. Una battaglia che cambierà per sempre il destino del mondo.

Queste sono solo alcune delle uscite più interessanti del periodo a tema Halloween, quindi fatemi sapere se avete qualche titolo interessante da propormi e buone letture a tutti!

mercoledì 16 ottobre 2019

L'angolo della Libraia # Caro libro, perché ti ho abbandonato 2

Ben ritrovati lettori di passaggio, dopo più di un anno torno a parlarvi di letture che non ho portato a termine e dei motivi dietro a questi abbandoni.


Più o meno dalla Primavera scorsa, il numero delle mie letture è leggermente diminuito e questo è dovuto sia ad impegni pratici, ma anche ad un mio calo dell'attenzione per cui ultimamente ho preferito rifugiarmi per lo più nella mia confort zone letteraria o scegliere letture brevi, ma questo non esclude che negli ultimi mesi non abbia preso in mano anche libri che non mi hanno convinta abbastanza da continuare la lettura o libri iniziati proprio nel momento sbagliato, ma che in futuro mi riprometto di riprendere. Come vi raccontavo nel mio precedente post su questo argomento (http://libraiainsoffitta.blogspot.com/2018/05/caro-libro-perche-ti-ho-abbandonato.html), quando io leggo un libro, leggo tutto, prefazione, postfazione, seconda e quarta di copertina, biografia dell'autore, note e ringraziamenti, non salto né righe né pagine. Oltre a questo sono per natura abbastanza lenta, quindi visto che i libri da leggere sono tanti e il tempo è sempre poco, quando una lettura non mi convince, mi annoia o peggio mi irrita, preferisco abbandonarla e passare ad altro.
Quelli che seguono sono altri quattro titoli che ho deciso di accantonare:

La vendetta delle single di Tracy Bloom


Trama: Suzie Miller cura la rubrica della posta del cuore per una rivista di successo. Ogni giorno dà consigli a decine di lettori che chiedono il suo aiuto per risolvere i problemi amorosi. Ma quando viene mollata nel modo peggiore possibile - che razza di uomo lascia una donna con un sms dopo esserci andato a letto? - decide che è arrivato il momento di fare qualcosa. Suzie vuole vendicarsi per tutte le volte in cui le hanno spezzato il cuore, mettendola da parte, e ha intenzione di dimostrare che è perfettamente in grado di rendere pan per focaccia. I suoi metodi sono imprevedibili, ma l'umiliazione è garantita... ed è su larga scala. Determinata a portare avanti il piano, comincia a suggerire anche a chi scrive alla sua posta del cuore modi stravaganti per reagire. E le lettere si moltiplicano: tutti vogliono i consigli della Cara Suzie. Al culmine del successo, felicemente single, ha raggiunto il suo obiettivo. O così le sembra, almeno finché un uomo le fa mettere di nuovo tutto in discussione...

Perché l'ho abbandonato:

Sono passati diversi mesi ormai da quando ho tentato di leggere questo romanzo. Il motivo che mi aveva spinto ad avvicinarmi a questa lettura era la semplice ricerca di qualcosa di leggero e magari divertente, nonostante il genere chick-lit/romance non sia tra i miei preferiti. Forte anche del fatto che l'autrice goda di buona fama soprattutto per altri suoi titoli, ho iniziato il libro con le migliori intenzioni, ma già dopo pochi capitoli non ho riscontrato né uno stile particolarmente frizzante né delle situazioni davvero divertenti che potessero compensare i difetti di una storia che ruota attorno ad una protagonista con cui non sono riuscita ad empatizzare per niente e ad un intreccio sentimentale estremamente prevedibile. In pratica sono arrivata al 40% per cento del libro a suon di sbadigli e, una volta ammesso a me stessa che di tutta la vicenda non mi interessava nulla, mi sono arresa e ho interrotto la lettura.

Facciamo che ero morta di Jean Begin


Trama: Come ogni professionista del pulito sa bene, spazzare la polvere sotto il tappeto non vuol dire liberarsene: prima o poi lo sporco torna a fare capolino. Al mondo non c'è nessuno che, in fondo a un cassetto o sotto il materasso, non nasconda qualcosa di imbarazzante. Lo sa molto bene Mona, che di mestiere fa la donna delle pulizie e che, mentre lava, smacchia, scrosta, lucida e passa l'aspirapolvere, si distrae curiosando in giro e ricostruendo impietosamente la vita dei suoi clienti. Il martedí sera, non avendo di meglio da fare, presta servizio come volontaria distribuendo aghi puliti ai tossicodipendenti. È in questo ambiente che, in barba alla prudenza, adocchia un soggetto a suo parere interessante: certo, sembra un po' sporchino, tanto che gli appioppa il soprannome di Mister Laido, però è alto e ha le spalle larghe, e poi ha sempre con sé un libro. E cosí, tra regali bizzarri ed escursioni domenicali sui tetti di fabbriche abbandonate, comincia una storia a dir poco strampalata. Seppure inevitabile e tutto sommato salvifico, l'epilogo supera, per le sue grottesche modalità, ogni piú nera previsione. Per riprendersi dalla batosta, Mona decide di cambiare aria e, dopo aver caricato lo stretto necessario sul furgone, si trasferisce a Taos, un rifugio di fricchettoni e nullafacenti perso nel deserto del New Mexico... 

Perché l'ho abbandonato:

A differenza del romanzo precedente, da cui non mi aspettavo nulla di particolare se non un libro di intrattenimento simpatico, questo è stato una vera delusione perché la trama mi aveva molto incuriosita e la protagonista sembrava un personaggio interessante e fuori dai soliti schemi.
Al contrario mi sono ritrovata a leggere una storia raccontata in modo piatto, in cui fin dall'inizio i risvolti della trama mi sono sembrati per lo più grotteschi. I personaggi invece sono problematici, non in modo accattivante, ma solo sgradevole. Anche in questo caso ho resistito fino al 40% del libro prima di arrendermi e passare ad altro.

I crudeli omicidi di una notte d'estate di Karo Hamalainen 


Trama: È una calda serata di primavera a Londra e Robert, banchiere di successo, osserva compiaciuto la città ai suoi piedi dalla finestra panoramica del suo lussuoso appartamento nello Shard, il grattacielo più alto d'Europa. Presto arriveranno i suoi ospiti, Mikko e sua moglie Veera. Lui fa il giornalista e come tutti gli idealisti ha in mente grandi progetti sul futuro del pianeta. Il padrone di casa e la sua giovane moglie Elisa hanno preparato la cena con cura, ma la serata prende da subito una brutta piega: ognuno dei convitati ha un segreto da nascondere. E Mikko di sicuro racchiude in sé la verità più inconfessabile: è andato lì per uccidere il suo amico. A fine serata, tre cellulari risuonano nel silenzio del lussuoso appartamento, completamente deserto. Chi sono le tre vittime, e chi il loro assassino? 

Perché l'ho abbandonato:

Questo romanzo è stata una delusione ancora peggiore del precedente perché, a differenza degli altri due titoli di cui vi ho parlato, non era un ebook recuperato a pochi centesimi, né si trattava di un prestito, ma  di un thriller che avevo voluto acquistare cartaceo per ampliare un po' la mia conoscenza dei giallisti nordici. Ebbene ho provato a leggere questo libro iniziandolo per due volte a distanza di mesi nel tentativo di superare lo scoglio dei primi capitoli e per due volte ho fallito miseramente di fronte ad uno stile inutilmente artificioso, a dei personaggi senza alcuna attrattiva e ad un intreccio farraginoso.
Una volta deciso di non proseguire la lettura, ho regalato questo volume a mia zia, anche lei appassionata di thriller ed anche lei lo ha bocciato senza appello definendolo "incommentabile".

L'assassinio di Florence Nightingale Shore di Jessica Fellowes


Trama: È il 1919 e Louisa Cannon sogna di sfuggire a una vita di povertà e, soprattutto, all’opprimente e pericoloso zio, che vorrebbe sanare i propri debiti «offrendo» la nipote a uomini di dubbia reputazione. La salvezza di Louisa è un posto di lavoro presso la famiglia Mitford ad Asthall Manor, nella campagna dell’Oxfordshire. Dopo diverse peripezie Louisa riesce a farsi assumere. Diventerà istitutrice, chaperon e confidente delle sei sorelle Mitford, specialmente della sedicenne Nancy - una giovane donna intelligente e curiosa con un talento particolare per le storie. Ma quando un’infermiera - Florence Nightingale Shore, figlioccia della sua celebre omonima - viene assassinata in pieno giorno su un treno in corsa, Louisa e Nancy si troveranno per caso coinvolte nelle indagini del giovane e timidissimo Guy Sullivan, agente della polizia ferroviaria di Londra, Brighton & South Coast e nei progetti criminali di un assassino che farà di tutto per mantenere segreta la propria identità…
Perché l'ho abbandonato:

Questo è stato uno dei rari casi in cui una novità editoriale mi incuriosisce così tanto da volerla acquistare subito. La trama venata di giallo, l'ambientazione storica degli anni '20, il coinvolgimento nella vicenda delle sorelle Mitford, erano tutti elementi che mi avevano convinta che questa lettura mi sarebbe piaciuta. Invece ho trascinato la lettura delle prime 80 pagine del romanzo che mi hanno annoiata moltissimo. Forse non era il momento adatto per questo genere di lettura, forse avevo la testa altrove, ma anche in questo caso ho preferito accantonare il libro e passare ad altro. Tuttavia ho intenzione di dare a questo romanzo un'altra possibilità e sto aspettando il momento giusto per ricominciarlo da capo nella speranza di farmi coinvolgere maggiormente dalla storia e dai personaggi.

Questi solo alcuni dei titoli che ho lasciato andare senza completarne la lettura. Fatemi sapere se invece voi li avete letti e apprezzati e se anche a voi succede di abbandonare qualche libro senza tanti rimpianti per passare a letture più soddisfacenti!