giovedì 27 febbraio 2014

Il Meglio e il Peggio della settimana #1




Per il primo appuntamento con  questa rubrica vorrei segnalare una iniziativa ideata dalla organizzazione culturale Caffeina che consiste semplicemente nel comprare un libro il primo di marzo e che si è già diffusa tramite social network (#1MarzoCompraUnLibro). 
L'idea ha ottenuto finora l'adesione di oltre 70.000 partecipanti (secondo il quotidiano Repubblica) e la partecipazione di librerie indipendenti e di catena che si stanno organizzando con sconti e altro. 
Al di là di una più seria considerazione riguardo lo stato dell'editoria in Italia, questa iniziativa può rappresentare un'occasione per i lettori per festeggiare la loro passione regalandosi un libro.
In questo caso il gesto di comprare un libro, anche economico, perfino usato, può dimostrare che la lettura non è qualcosa di così obsoleto come pensano alcuni.

Per quanto riguarda invece il Peggio della settimana, ho pensato di segnalare il caso di un libro recentemente pubblicato da Frassinelli con il titolo Storia di una ladra di libri, al prezzo di 16€ e 90.
Il punto è che questo romanzo di Markus Zusak è già stato pubblicato in Italia da Frassinelli nel 2007 e poi ristampato nel 2009 con il titolo La bambina che salvava i libri, tanto che era già uscita anche l'edizione economica del libro, cioè l'edizione Sperling & Kupfer a 11€.
Adesso però in occasione dell'uscita del film basato su questo romanzo, la casa editrice ha pensato bene di ripubblicarlo in copertina rigida e con un titolo diverso. 
Il problema però non è tanto questo quanto il fatto che in contemporanea con l'uscita di questa nuova edizione, sia sparita dalla circolazione la precedente edizione economica.
La stessa identica cosa è accaduta con altri libri, sempre in occasione di una ristampa, economicamente più onerosa, pubblicata in concomitanza con l'uscita dei film tratti dai romanzi. Basti ricordare il caso del primo libro della serie Shadowhunters di Cassandra Clare in edizione bestsellers Mondadori, sparito dagli scaffali e dalle librerie on-line per parecchi mesi per lasciare il posto alla nuova edizione con la copertina dedicata al film.
In conclusione quello che contesto non è tanto la scelta della casa editrice di ripubblicare uno stesso libro in occasione dell'uscita cinematografica, né di modificare il titolo per renderlo più attinente all'originale o al titolo del film, quanto la sistematica scomparsa delle precedenti versioni economiche destinate a ricomparire a qualche mese di distanza.


Fatemi sapere se anche voi siete infastiditi da queste manovre editoriali e segnalate pure qualunque notizia letteraria vi abbia colpito in questi giorni in bene o in male.
Buona serata e al prossimo post!



giovedì 20 febbraio 2014

LE RUBRICHE DEL BLOG


In questo Blog ci sono sempre i "lavori in corso" come sulle strade dissestate...Mi scuso con tutti coloro che fossero passati di qua per i continui cambiamenti, ma sto cercando di rendere questo mio piccolo spazio più conforme possibile alla mia personalità ed essere una totale frana in fatto di grafica e tecnologia in generale di certo non aiuta!
Proprio per mettere un po' di ordine tra queste pagine oggi vi vorrei presentare le Rubriche che al momento penso che proporrò più o meno costantemente nel blog:

Il libro del giorno

Questa rubrica già la conoscete in quanto racchiude quelle che potremmo definire molto generosamente le mie recensioni, ovvero le mie opinioni sui libri letti o più in generale sull'opera di determinati autori.

Impressioni di libri


La rubrica Impressioni di libri è quella in cui parlo di più libri in un unico post, sia per ragioni di brevità, sia in caso le letture interessate siano in qualche modo legate tra loro o abbiano un comune denominatore.


Tag

In questo spazio potrete trovare le mie risposte ad alcuni Tag che circolano sopratutto tra i booktubers, ma anche degli Speciali con cui mettere in risalto il carattere per così dire letterario di festività, occasioni particolari ed eventi.

Novità in Libreria


In questo caso il titolo dice proprio tutto, infatti questa sarà la rubrica dedicata alle novità letterarie che mi sembreranno interessanti e promettenti.

WWW Wednesdays


WWW Wednesdays è la rubrica, solitamente aggiornata di mercoledì, con cui tenere il blog sempre aggiornato sulle mie letture presenti e future e grazie alla quale posso parlare di un libro in modo conciso ed immediato, anche senza dovergli dedicare un apposito post.
Le domande su cui si basa questa rubrica sono tre:
1) What are you currently reading?/Cosa stai leggendo in questo momento?
2)What did you recently finish reading?/Cosa hai appena finito di leggere?
3) What do you think you'll read next?/Quale pensi sarà la tua prossima lettura?

In My Mailbox


La rubrica dedicata agli acquisti e alle nuove entrate letterarie nella mia libreria.

L'angolo della Libraia


Questa è la rubrica che ho introdotto per potervi parlare liberamente di vari argomenti perlopiù riguardanti la lettura e i il mondo dei libri in generale, seguendo semplicemente idee o riflessioni da condividere con altri lettori.


Se qualche lettore di passaggio dovesse avere suggerimenti o idee da propormi non esiti a contattarmi, nel frattempo auguro a tutti buone letture! Alla prossima.

martedì 18 febbraio 2014

I MIEI CONTATTI



lettori di passaggio e gli autori che volessero contattarmi per domande, richieste o informazioni, possono farlo a questo indirizzo email:

libraiainsoffitta@libero.it


Ringrazio tutti gli autori emergenti e non che mi hanno contattata finora e in particolar modo coloro che hanno richiesto un mio parere sul loro lavoro inviandomi una copia dei loro libri. Mi dispiace non poter accettare ogni richiesta, ma il tempo a disposizione e anche il mio personale gusto in fatto di lettura non lo rendono possibile.

Per le case editrici interessate a collaborare con il blog Libraia in Soffitta per pubblicizzare libri in uscita, richiedere recensioni o divulgare articoli o notizie a carattere letterario, possono contattarmi a questo indirizzo email:

libraiainsoffitta@libero.it


Nonostante non mi precluda niente in fatto di letture generalmente preferisco leggere in formato cartaceo e i generi che prediligo sono:

- Classici moderni
- Gialli e thriller
- Romanzi storici
- Narrativa per ragazzi 
- Romanzi di formazione
- Fantasy e Urban Fantasy

Potete trovarmi e lasciarmi un messaggio su anobii:

http://www.anobii.com/0185a73e284ca50d78/books

Se vi va inseritemi nelle vostre cerchie Google+ dove mi trovate con il nome di Bethbook80!

Grazie a tutti.

mercoledì 5 febbraio 2014

IL LIBRO DEL GIORNO # L' ANGELO CADUTO O COME ROVINARE UN LIBRO IRRIMEDIABILMENTE


Oggi vorrei condividere una lettura fatta il mese scorso e che mi ha lasciato piuttosto interdetta, non tanto per il libro in sé, quanto per come il suddetto libro è arrivato nelle nostre librerie. Mi spiego meglio: L'angelo caduto di Susan Ee è il primo volume di una trilogia distopica, young adult, ambientato nella Silicon Valley a sei settimane di distanza dall'attacco sferrato contro la terra ad opera di un esercito di angeli, creature violente determinate a rendere schiava la razza umana. La popolazione si ritrova allo sbando, senza aiuti e senza informazioni, preda delle bande di sciacalli e del pericolo di nuovi attacchi. La protagonista del romanzo, Penryn, tenta di condurre la madre e la sorellina lontano dalla città semidistrutta per cercare riparo tra le colline, ma durante la fuga si imbatte in uno scontro tra angeli durante il quale uno di questi viene privato delle ali e lasciato dai suoi compagni a morire dissanguato, mentre la sorellina viene rapita. Penryn decide quindi di tenere in vita l'angelo ferito per costringerlo ad accompagnarla alla roccaforte degli angeli dove con tutta probabilità si trova la bambina e durante il viaggio i due nemici saranno costretti a fidarsi l'uno dell'altra per sopravvivere e raggiungere i loro scopi.
Nonostante la vicenda inizi ad attacco già avvenuto e l'autrice non dia molte spiegazioni sul come e perché l'esercito degli angeli abbia iniziato questa guerra, la narrazione procede in modo lineare ed il susseguirsi degli eventi dona al libro un buon ritmo. Avrei preferito qualche approfondimento in più sulla natura della popolazione angelica ma l'autrice lascia intendere che gli umani sanno poco o nulla degli angeli e che sono venuti a conoscenza della loro esistenza e pericolosità solo con l'attacco.
I protagonisti sono discretamente caratterizzati: Penryn è una diciassettenne un po' atipica perché ha sulle spalle la responsabilità della sorellina che non può più camminare e della madre schizofrenica e potenzialmente pericolosa, ha studiato per anni arti marziali e non si tira indietro se c'è da menare le mani.
Ovviamente è bella ma non lo sa, ma grazie al cielo questo particolare ci viene propinato solo una volta in tutto il libro!
L'angelo Raf è un personaggio non ancora del tutto svelato, ma risulta comunque più sopportabile di molti altri protagonisti maschili di young adult, umani e non.
In sostanza posso dire che a mio parere il libro è carino, ha una trama accattivante anche se non molto originale e la lettura procede velocemente senza annoiare.
Il problema di questo libro è un altro: l'edizione italiana è indecente!
Mi è capitato altre volte di leggere libri con problemi di traduzione e refusi, ma mai un disastro di questa portata!. Un minestrone di tempi verbali distribuiti a casaccio, consecutio temporum completamente ignorata, congiuntivi non pervenuti, traduzione raffazzonata, refusi, parole mancanti, addirittura frasi che in italiano non hanno alcun significato!
Onestamente io non mi capacito di come una casa editrice come la Fanucci, o come qualsiasi altra casa editrice, possa mettere sul mercato un libro tradotto ed editato in questo modo.
Ho sempre pensato, scioccamente a quanto pare, che per lavorare in una casa editrice occorressero requisiti altamente qualificanti, nel caso di questo libro però non c'è stata solo una carenza dal punto di vista della traduzione dall'inglese, ma una intollerabile ignoranza della lingua italiana!
Io non sono certo un membro dell'Accademia della Crusca e so che qualche errore o refuso può capitare in un romanzo come su un giornale come in una Tesi di Laurea, ma alla Fanucci sembra che questo libro sia passato dalle mani di un traduttore a quelle del correttore di bozze a quelle dell'editor, senza che nessuno abbia messo mano a questo disastro grammaticale.
Mi dispiace essere così dura nei confronti di persone che hanno svolto il loro lavoro, ma ritengo che sia offensivo e ingiusto per i lettori che spendono i propri soldi sui loro libri, che una casa editrice pubblichi un romanzo curato così poco e così male.
Non ci resta che sperare in un ravvedimento da parte della Fanucci e di coloro che vi lavorano, ma io continuerò per un pezzo a domandarmi perché!? Per adesso l'unica risposta che mi sono data è che traduttori, correttori di bozze ed editor della Fanucci siano tutti membri di una setta segreta che ha come scopo assassinare definitivamente la grammatica italiana...Qualcuno chiami Giacobbo!


Titolo: L'angelo caduto
Editore: Fanucci
Traduttore: M. Cozzi
Dati: 2013, pp.314