lunedì 22 giugno 2015

IL LIBRO DEL GIORNO # GALA COX E IL MISTERO DEI VIAGGI NEL TEMPO DI RAFFAELLA FENOGLIO

Bentrovati lettori di passaggio, oggi vi vorrei parlare brevemente di una delle mie letture di giugno che non fa parte della Summer Reading Challenge, ma di cui sono rimasta decisamente soddisfatta.
Il  libro in questione è Gala Cox e il mistero dei viaggi nel tempo di Raffaella Fenoglio, un regalo davvero apprezzato che mi è stato fatto direttamente dall'autrice.

Autore: Raffaella Fenoglio
Editore: Fanucci
Dati: pp. 487, 14€ e 90.

Ho visto questo libro ovunque girando in rete e moltissimi blog ne hanno parlato ben prima di me, ma per coloro che ancora non conoscessero la trama la protagonista della storia è Gala una ragazzina appassionata di ingegneria e meccanica, che dopo aver frequentato per anni una scuola privata è al suo primo anno di liceo artistico e fatica ad ambientarsi soprattutto perché un anno prima ha perso la sua migliore amica in un incidente e la vita in famiglia non è delle più tranquille.
Infatti Gala vive in un' antica villa insieme alla madre, una donna piuttosto fredda ed eccentrica che lavora come medium, e due spiriti evocati dalla stessa e che si sono trattenuti a vivere con loro in pianta stabile, l'indiano Matunaaga e la suora Ildegarda di Bingen. 
Il padre di Gala, professore e scienziato, è sparito da sei mesi senza dare spiegazioni e da allora la figlia non ha più notizie di lui.
La vita di Gala è destinata però a complicarsi parecchio, infatti una visita assolutamente inaspettata le svelerà che ci sono misteri dei quali non era a conoscenza e che sembrano coinvolgere anche la sua famiglia, ma soprattutto che esiste la possibilità di viaggiare nel tempo.
Non vi racconterò nient'altro della trama per non rovinarvi le sorprese racchiuse in questa lettura, infatti era da un po' che non leggevo un romanzo in cui la fantasia ha un ruolo così importante.
Ho apprezzato molto le idee dell'autrice, l'inserimento dell'elemento paranormale e il modo in cui si tratta il tema piuttosto battuto dei viaggi nel tempo, ma anche il fatto che, pur in mezzo a invenzioni fantastiche il romanzo conserva in ogni parte una certa dose di verosimiglianza.
La protagonista è una ragazzina giovanissima, insicura e in competizione con la madre come molte lo sono a quell'età, ma è anche un personaggio originale grazie alle sue passioni non convenzionali come quella per la scienza che condivide con il padre e che le conferiscono apparentemente una maggiore maturità rispetto a una comune quattordicenne.
La prima parte del libro non impiega molto a far entrare il lettore nel vivo della storia perché dopo aver presentato in modo chiaro lo stato delle cose si viene quasi subito catapultati come la protagonista nel varco spazio-temporale e ci ritroviamo a Londra alla fine dell''800, dove Gala dovrà cercare di aiutare un'amica, combattuta tra il desiderio di tornare a casa e quello di buttarsi in quest'avventura straordinaria, ma insidiosa.
Per Gala è arrivato il momento di scoprire di cosa è capace, il momento di crescere e di agire, facendo affidamento sulle proprie capacità e sulle persone che le stanno più vicino perché le minacce che incombono su di lei sono molteplici e altrettanti i problemi da risolvere. Non solo dovrà escogitare il modo per aiutare la propria amica, ma anche scoprire a cosa serve il misterioso marchingegno a cui stava lavorando il padre prima di scomparire e trovare un indizio su cosa possa essergli successo, capire perché l'intrigante Lady Quenoonie ce l'ha tanto con lei e con sua madre e tenersi alla larga da Black Coat, l'inafferabile assassino che gira di notte per le strade di Whitechapel.
I cambi di ambientazione sono ben curati, la parte riguardante il presente, che potremmo definire quella italiana, è  familiare ed originale insieme, mentre la Londra vittoriana, con i suoi quartieri malfamati abitati dalla povertà e percorsi da criminali e minacce ancor più sinistre, è inquietante quanto basta.
I personaggi che circondano la protagonista non sono tutti pienamente sviluppati, ma personalmente ho adorato i due spiriti, Il saggio indiano che per Gala è quasi come una tata e l'arcigna suora che invece non perde occasione per rimproverarla; anche il personaggio di Dennis mi è piaciuto perché è quanto di più diverso si possa immaginare rispetto ai ragazzi che di solito sono accanto alle protagoniste di romanzi per ragazzi ed infatti il tema romantico è decisamente marginale nel libro.
Dopo una prima parte movimentata, il romanzo rallenta il ritmo degli avvenimenti nella parte centrale soprattutto per permettere al lettore di venire a conoscenza di determinati fatti e di vedere svilupparsi il rapporto tra i protagonisti, per poi dare il via ad una parte finale del romanzo piena di azione e scoperte.
Da un po' non mi capitava tra le mani un romanzo per ragazzi che potesse risultare così coinvolgente anche per un adulto, una storia originale nella sua semplicità, ben strutturata e scritta con uno stile scorrevole ma curato. Promosso a pieni voti!

VOTO: 8-