martedì 28 aprile 2015

THE COFFEE BOOK TAG

Bentrovati lettori di passaggio, torno con un nuovo Tag che ho visto praticamente in tutti i blog che seguo e che non potevo esimermi dal fare visto che sono un'amante del caffè!

NERO
Una serie difficile da iniziare ma con fans sfegatati


Ammetto la mia colpa: Non ho mai letto Il Signore degli anelli!
So che è imperdonabile, ma l'opera di Tolkien mi mette una certa soggezione; comunque confido di trovare prima o poi il coraggio di leggerla.

MOCHA ALLA MENTA
Un libro che diventa più popolare durante l'inverno o i periodi di festa


Ho scelto questa ultima fatica di Ken Folett, The Century trilogy, ma credo che in generale Ken Follett sia uno degli autori più regalati in assoluto, soprattutto durante il periodo natalizio. 

CIOCCOLATA CALDA
Il tuo libro per bambini preferito


Questo vecchio libro illustrato della Disney è tra i primi che io abbia mai letto e d è stato sfogliato talmente tante volte che ormai cade veramente a pezzi!

DOPPIO ESPRESSO
Un libro che ti ha tenuto incollato alle pagine dall'inizio alla fine


Sarà che ho letto questo libro da poco, ma è stato il primo titolo che mi è venuto in mente e che mi abbia tenuta incollata alle pagine fino alle battute finali (qui trovate la mia recensione: http://libraiainsoffitta.blogspot.it/2015/04/il-libro-del-giorno-8-parole-avvelenate.html).

STARBUCKS
Un libro che vedi ovunque


Forse un giorno di Coleen Hoover è un'uscita recente che mi tenta non poco e sarà per questo che mi sembra di vederlo ovunque!

OPS! PER SBAGLIO HO PRESO UN DECAFFEINATO!
Un libro dal quale ti aspettavi di più


Mi dispiace un po' ammetterlo, ma  La casa delle belle addormentate di Yasunari Kawabata non mi convinta come avrei pensato, non posso dire che non mi sia piaciuto, ma le aspettative che avevo erano davvero alte e non sono state del tutto soddisfatte.

QUELLA MISCELA PERFETTA
Un libro o una serie che è stata sia amara che dolce, ma alla fine soddisfacente


Ho scelto Il Grande Gatsby di Fitzgerald perché al contrario del libro precedente sono rimasta colpita dal romanzo e l'ho apprezzato più di quanto mi aspettassi, infatti per qualche strano motivo avevo sempre pensato che questo libro non facesse per me e invece mi sono sbagliata e, nonostante la feroce antipatia che provo per alcuni personaggi, la considero una lettura davvero soddisfacente.

Fatemi sapere cosa ne pensate di queste scelte e la vostra opinione su questi libri e, mi raccomando, lasciatemi nei commenti i link ai vostri blog se avete fatto o farete anche voi questo Tag!

mercoledì 15 aprile 2015

WWW WEDNESDAYS #12


Torna la rubrica WWW Wednesdays, in cui tento di dare un ordine al caos delle mie letture!

1) Che cosa stai leggendo in questo momento?

Attualmente sto leggendo un breve romanzo di Wilkie Collins ed è il mio primo incontro letterario con questo autore. Ho già in libreria uno dei suoi titoli più famosi, La pietra di luna, ma visto la lunghezza e il font minuscolo in cui è scritto, ho deciso di dare la precedenza a Testimone d'accusa e al momento non sono pentita della scelta.

2) Che cosa hai appena finito di leggere?

Ho appena terminato Il paese delle nobili signore di Elizabeth Gaskell. Era da un bel po' di tempo che volevo leggere qualcosa di questa autrice e pensavo di cominciare da Nord e Sud, ma non trovandolo mai in libreria ed essendomi fatta attrarre da questa bellissima cover, ho deciso di prendere questo titolo di cui vi parlerò più approfonditamente nel riassunto delle letture del mese di aprile in programma per la fine del mese.

3) Quale sarà la tua prossima lettura?

Siccome è da un bel po' di tempo che non leggo nulla di autori italiani, ho pensato di rimediare con La Mennulara di Simonetta Agnello Hornby che mi è stato regalato per Natale ed ancora aspetta di essere letto.

Fatemi sapere come stanno andando le vostre letture e se avete letto qualcuno di questi libri! 

sabato 11 aprile 2015

TAG DI PRIMAVERA



Bentrovati lettori di passaggio, dalle mie parti è decisamente arrivato il caldo e, abitando in campagna, in ogni angolo si vedono i segni inequivocabili della primavera, quindi ne approfitto per proporvi il Tag  della Primavera che ho visto sul blog di IleniaLibri di cristallo.

1) L'inverno è finito. Quale libro lanceresti nel camino assieme alla rimanenza della legna da ardere?
Non sia mai! I libri non si bruciano...tuttavia, se proprio dovessi, sceglierei Sogni di sangue di Lorenza Ghinelli della collana Live della Newton e che, secondo me, vale esattamente il suo prezzo.

2) Tra i tuoi libri, qual è quello che fa subito primavera? 
Una delle cover più primaverili tra i miei scaffali è senza dubbio Il giardino segreto di Francis Hodgson Burnett.

3) Immagina una giornata soleggiata al parco, dopo mesi di tempaccio e freddo, quale libro ti farebbe compagnia?
Sceglierei di portare con me Miss Marple nei Caraibi di Agatha Christie, per sentirmi subito in vacanza.


4) Primavera è rinascita. A quale libro ti fa pensare?
Mi è subito venuto in mente Luna di Julie Anne Peters e la storia di cambiamento e rinascita di Liam/Luna.

5) Si sa, primavera è anche meteo pazzerello. Il libro più pazzo che possiedi? O quello più imprevedibile che hai letto?
Tanti anni fa lessi Tre uomini in barca di Jerome K. Jerome e senza dubbio i tre protagonisti sono tra i più eccentrici che abbia mai incontrato in un libro.


6) Se un libro fosse una rosa rossa? (Rosa rossa = Vero Amore/Passione)
Non sono una grande appassionata di romanzi d'amore, ma ne L'amante di Lady Chatterley di David Herbert Lawrence la passione non manca di certo!



7) Se un libro fosse un'orchidea? (Orchidea = Eleganza/Sensualità)
Per la raffinatezza e la sensualità della scrittura di Colette ho scelto un romanzo che ho amato molto, Chéri.

8) Se un libro fosse una margherita? (Margherita = Semplicità/Purezza)
In questo caso ho scelto un romanzo della mia adorata zia Jane, la cui protagonista è la quintessenza della semplicità e della purezza di sentimenti, ovvero Fanny Price di Mansfield Park.


9) Se un libro fosse una rosa gialla? (Rosa Gialla = Vergogna/Gelosia)
Visti i sentimenti negativi che permeano il romanzo, per questa domanda ho scelto le atmosfere inquietanti di Thérèse Raquin di Emile Zola.

10) Se un libro fosse una petunia? (Petunia = Collera)
Per la collera scelgo Cime tempestose di Emily Bronte e l'amore disperato e distruttivo dei suoi protagonisti.

Il tag termina qui, fatemi sapere cosa ne pensate dei libri che ho scelto e,magari, rispondete anche voi alle domande nei commenti!

lunedì 6 aprile 2015

IL LIBRO DEL GIORNO # PAROLE AVVELENATE DI MAITE CARRANZA

Bentrovati lettori di passaggio, oggi approfitto di un po' di tempo per parlarvi di una delle letture dello scorso mese di marzo. Mi scuso in anticipo se non  riuscirò ad evitare completamente gli spoilers, ma si tratta di un romanzo piuttosto breve in cui gli avvenimenti sono tutti importanti ed è difficile parlarne in modo chiaro senza fare qualche rivelazione. Comunque si tratta di un libro che consiglio sicuramente e spero di incuriosire qualcuno di voi riguardo questa lettura.

Titolo: Parole avvelenate
Autore: Maite Carranza
Editore: Atmosphere Libri
Traduttore: S. Cattaneo
Dati: data di pubblicazione 18/06/2013, pp. 240, 15€

Barbara Molina è scappata di casa a quindici anni lasciando Barcellona per raggiungere gli zii a Bilbao, ma dopo una drammatica telefonata alla madre, è scomparsa lasciando dietro di sé solo una borsa e tracce del suo sangue.
Sono passati ormai quattro anni, di lei non si hanno avuto più notizie e il suo corpo non è mai stato ritrovato, i principali indiziati non si sono mai traditi e  per la sua famiglia e i suoi amici è iniziato un calvario fatto di incertezza.
L'agente di polizia che si è occupato del caso sin dall'inizio, Lozano, è al suo ultimo giorno, dopodiché dovrà andare in pensione e lasciare al suo successore tutto il lavoro svolto incessantemente in quei quattro anni con la consapevolezza di aver fallito, di non aver ritrovato Barbara.
Proprio questo insopportabile pensiero di dover lasciare irrisolto un caso che lo ha così coinvolto, spingono Lozano ad un ultimo giorno di frenetiche ricerche, interrogatori, congetture e a ripercorrere l'intera vicenda in cerca di qualcosa di nuovo, di un indizio decisivo che dia la svolta al caso.
Capitolo dopo capitolo conosciamo tutti i protagonisti di questa tragedia, prima fra tutti proprio Barbara che in prima persona racconta episodi della sua vita, come e perché è scomparsa e cosa ne è stato di lei, mentre in terza persona sono raccontati i sentimenti e i pensieri della madre di Barbara, una donna annientata dal dolore e dal senso di colpa, che ha lasciato al marito le redini della propria vita e di tutto quanto concerne la ricerca della figlia, e quelli di Eva, che un tempo è stata la migliore amica della ragazza scomparsa.
Sarà proprio Eva a ricevere la telefonata più inaspettata, quella che in pochi secondi rimetterà in discussione tutte le conclusioni a cui la polizia e le persone coinvolte erano giunte dopo tutto quel tempo, dopodiché  gli eventi si susseguono rapidamente, intervallati dai ricordi e da nuove ipotesi. Nonostante l'impianto del romanzo sia quello di un giallo, il fulcro del libro non è tanto trovare il colpevole, quanto capire cosa e perché è successo, ricostruendo pezzo dopo pezzo la personalità di Barbara, la sua vita prima della scomparsa, in che modo si collocano nella vicenda la sua famiglia, gli zii, la sua amica del cuore, il suo ex fidanzato e l'insegnante preferito.
Da un certo punto della narrazione  in poi infatti è intuibile quale sia il segreto più inconfessabile e chi sia a custodirlo, di chi sia la colpa di tutto, e proprio per questo il lettore sente il bisogno di rallentare, di prendere le distanze da una lettura che diventa dolorosa e disturbante, di negare in un certo senso l'evidenza cercando un colpevole più adeguato, più "accettabile".
Ma questo ovviamente non è possibile e il libro volge al temine seguendo il ritmo cadenzato delle rivelazioni e del raggiungimento di una nuova consapevolezza da parte dei protagonisti.
Il merito dell'autrice sta, a mio avviso, non tanto nella costruzione del giallo, quanto nella ricostruzione volutamente ambigua della vicenda e dei suoi attori, soprattutto di Barbara, che è la vittima, ma che solo Lozano vede chiaramente come tale, infatti nei ricordi e nelle congetture di tutti gli altri, perfino in quelli della madre, c'è sempre un accenno stonato, una recriminazione, un dubbio, un giudizio negativo, il sospetto o l'aperta attribuzione di qualche colpa nei confronti di una ragazza che al tempo della scomparsa era poco più di una bambina. E Barbara, combattuta tra il desiderio di vivere e quello di liberarsi per sempre da un destino forse peggiore della morte, è l'immagine distorta, volutamente macchiata, di una vittima innocente.
L'autrice ha scritto questo romanzo pensando ad un pubblico giovane, utilizzando un linguaggio ed una struttura narrativa che nella loro semplicità permettono al lettore di entrare immediatamente nel cuore della vicenda, di non essere mai distratti dall'impianto investigativo e di comprendere facilmente, ma non per questo meno dolorosamente il messaggio che vi è alla base.
Concludo dicendo di essere rimasta turbata da questo libro, ma di certo non pentita di averlo letto; conoscevo già questa autrice di cui anni fa ho letto una trilogia per ragazzi, La guerra delle streghe, che mi aveva piacevolmente intrattenuta, e sono stata contenta di ritrovarla con questo romanzo così diverso.

VOTO: 7 e 1/2

venerdì 3 aprile 2015

Novità in Libreria #7


Dopo un lungo periodo di assenza torna qui sul blog la rubrica delle Novità in Libreria, ovvero quella contenente gli avvistamenti letterari a mio avviso più interessanti, di recente o di prossima pubblicazione. Nel post di oggi ho deciso di inserire quei titoli che mi hanno attirata principalmente per la trama, infatti ogni volume è opera di un autore o un 'autrice che non ho ancora avuto modo di conoscere. In alcuni casi la scelta della cover e il fatto di essere pubblicati da case editrici di cui mi fido molto hanno fatto il resto, quindi mi ritrovo con nuovi titoli ad allungare la mia interminabile lista dei desideri letterari!

Titolo: Tutto su Sally
Autore: Arno Geiger
Editore: Bompiani
Dati: data di pubblicazione 02/04/2015, pp. 315, 19€
Trama: Una coppia della media borghesia viennese. Lui, Alfred, è un uomo che si sta perdendo sul sentiero che conduce alla vecchiaia, ma che sa conservare il suo amore incondizionato e poetico per la moglie Sally. E lei la figura emblematica di questa coppia: ironica, distaccata, anticonformista, non vuol rinunciare all'idea di una giovinezza che non c'è più ma che continua a lanciare stimoli. Quando, durante una vacanza estiva in Inghilterra, i ladri irrompono nella casa viennese della coppia, mettendo tutto a soqquadro e violando anche i preziosi diari su cui Alfred tiene nota del suo ménage famigliare, le cose cambiano all'improvviso. Rancori sopiti, segrete delusioni, rivendicazioni, ma anche desideri inconfessati emergono ed esondano dai fragili confini della convivenza.

Titolo: Tokyo Noir
Autore: Nakamura Fuminori
Editore: Mondadori
Dati: data di pubblicazione 10/03/2015, pp. 173, 17€
Trama: Nishimura è un ladro. Passa le giornate camminando solitario per le strade di Tokyo senza che nessuno si accorga della sua presenza. Con la grazia di un ballerino compie la sua danza tra i corpi dei passanti. Una danza durante la quale la sua mano leggera sfila dalle tasche delle prede portafogli e preziosi. Le sceglie con cura, le sue vittime. Ha imparato a distinguere con un'occhiata i più ricchi tra la folla, quelli che possono permettersi di essere derubati. Vive solo, senza famiglia, con poche parole, lasciandosi trasportare dalla corrente dei giorni, distante da tutto, come se attraversasse le atmosfere ovattate di un sogno. Ma due incontri stanno per cambiare la sua vita. Il primo è con un ragazzino che scopre a rubare maldestramente del cibo in un supermarket. Lo specchio di un tempo lontano della sua vita. Un incontro che gli farà riscoprire la possibilità di avere un legame, segnando la nascita di un'amicizia strana e profonda tra il miglior borseggiatore di Tokyo e un bambino troppo solo. Il secondo incontro è quello con Kizaki, uno dei più grandi criminali giapponesi, il quale lo coinvolgerà in una serie di rapine, che sveleranno a poco a poco un disegno crudele e geniale, assolutamente imprevisto e imprevedibile.

Titolo: Un semplice gesto di tenerezza
Autore: Akli Tadjer
Editore: Garzanti
Dati: data di pubblicazione 02/04/2015, pp. 244, 14,90€
Trama: Ci sono mattine in cui ci si sveglia felici. Bastano poche cose, come un raggio di sole che solletica gli occhi e una tazza di caffè fumante che aspetta in cucina. Queste sono le mattine in cui Adele Reverdy adora girare per Parigi tra i vicoli stretti pieni di botteghe e bistrot. Eppure sente che nella sua vita c'è qualcosa che le manca. O meglio qualcuno. Qualcuno con cui passeggiare lungo la Senna abbracciati. Qualcuno con cui condividere tanta bellezza. Per lei non è mai stato facile trovare un fidanzato. Un po' perché è timida e imbranata e un po' perché il suo è un lavoro piuttosto imbarazzante: lavora nell'agenzia di pompe funebri della sua famiglia. Ma alla festa del suo trentesimo compleanno, mentre il tramonto incendia Montmartre, inaspettatamente incontra il sorriso di Leo. E si sente come se una luce nuova le avesse finalmente trapassato il cuore. Leo è un ex artista di strada che a causa di un incidente ha perso la vista. Ed è per questo che ha una sensibilità speciale, che va oltre la superficie, dove si nascondono i sentimenti più profondi. Lui riesce a capirla come nessun altro. Ogni suo gesto, ogni sua carezza le raccontano qualcosa della sua anima e della tenerezza di un abbraccio. Con Leo, Adele si sente forte come non lo è mai stata. Tanto forte da lottare per tutto quello che ha conquistato.

Titolo: La festa
Autore: Margaret Kennedy
Editore: Astoria
Dati: data di pubblicazione 04/11/2015, pp. 323, 17,50€
Trama: In un albergo decrepito sulla costa della Cornovaglia si riunisce un eterogeneo gruppo di persone. Una lettera mai aperta dal proprietario avvisa di crepe createsi sulla scogliera. Le pagine iniziali del libro ci raccontano di una frana che ha fatto scomparire l'albergo e ucciso tutti coloro che erano dentro. Che non erano però tutti. Chi è morto? Chi si è salvato? E il 1947, l'immediato dopoguerra inglese è ancora molto duro, il cibo è parzialmente razionato, il governo ha imposto tasse pesanti e l'evasione fiscale è un tema forte. Ma è anche estate, un'estate eccezionalmente calda e secca, in grado di addolcire la cupezza della situazione e di infondere gioia di vivere. La genialità de "La festa" sta nel prologo, il tipo di prologo che dice come tutto andrà a finire tralasciando però l'intera storia. E così si corre sulle pagine del libro, che ci ridanno in ordine cronologico gli eventi, per capire cosa succede a chi e perché. In un racconto che si fa via via sempre più concitato, inframmezzato da lettere e pagine di diario, la Kennedy dipinge un'umanità i cui pregi e difetti vengono perfettamente raccontati.

Titolo: Noi due ai confini del mondo
Autore: Morgan Matson
Editore: Newton Compton
Dati: data di pubblicazione 02/04/2015, pp. 414, 9,90€
Trama: Amy Curry pensa che la sua vita sia uno schifo. Suo padre è recentemente scomparso in un incidente d'auto e sua madre ha deciso di trasferirsi dalla California al Connecticut, proprio durante il suo ultimo anno di scuola. Il viaggio in macchina per raggiungere la costa opposta degli Stati Uniti è lunghissimo, e con lei ci sarà Roger, figlio di un'amica della madre, che Amy non vede da quando erano bambini. Perciò, quando se lo trova di fronte, Amy ha uno strano sussulto, che però è brava a nascondere. La verità è che non è esattamente entusiasta all'idea di attraversare il Paese con qualcuno che non conosce, ma la strada è infinita e bisogna darsi il cambio alla guida. Il tragitto scrupolosamente programmato da sua madre viene però completamente stravolto, via via che l'iniziale diffidenza tra i due diventa simpatia, e il viaggio si trasforma, ora dopo ora, in qualcosa di diverso, molto speciale e più profondo...

Spero di avervi incuriosito riguardo qualcuno di questi titoli che mi attirano molto.
Fatemi sapere se avete già avuto modo di leggerli o se avete avvistato qualche altro titolo che ritenete imperdibile!