mercoledì 28 ottobre 2015

WWW Wednesdays # 22


Buon mercoledì lettori di passaggio! Oggi è giorno di WWW Wednesdays, quindi passo subito a rispondere alle tre consuete domande.

1) Che cosa stai leggendo in questo momento?

In questi giorni ammetto di aver battuto un po' la fiacca in termini di letture, comunque mi sto dedicando principalmente ad Amori non molto corrisposti, un romanzo di Barbara Pym, autrice che ho già avuto modo di conoscere, edito da Astoria, che come ormai saprete, è una casa editrice che mi piace molto. e della quale sto accumulando un buon numero di pubblicazioni.


2) Cosa hai appena finito di leggere?

Negli ultimi giorni ho terminato la lettura di Non voglio essere famosa! di Elena Depaoli, di cui vi ho parlato nel post precedente e Hugo e Rose di Bridget Foley, di cui, tempo permettendo, vi parlerò a breve qui sul blog.


3) Quale sarà la tua prossima lettura?

Come vi avevo già preannunciato, visto anche il clima che dalle mie parti sta virando rapidamente verso l'inverno, ho scelto una lettura dall'aria decisamente gelida, La principessa di ghiaccio di Camilla Lackberg.


E le vostre letture come stanno andando? Fatemelo sapere nei commenti.
Alla prossima!

sabato 24 ottobre 2015

IL LIBRO DEL GIORNO # NON VOGLIO ESSERE FAMOSA! DI ELENA DEPAOLI

Bentrovati lettori di passaggio, oggi vorrei parlarvi di un breve romanzo che ho terminato di leggere proprio ieri sera e che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice CentoAutori
Il libro in questione è Non voglio essere famosa di Elena Depaoli e fa parte della nuova collana "A cuor leggero" di cui ho già avuto modo di leggere e recensire l'altra pubblicazione, Mi vuoi sposare? di Elisabetta Belotti (qui potete trovare la mia opinione: http://libraiainsoffitta.blogspot.it/search/label/Edizioni%20CentoAutori).


Autore: Elena Depaoli
Editore: CentoAutori
Dati: pp. 160, €7,50.

Questa volta la storia è ambientata a Londra, dove la ventisettenne Victoria lavora come giornalista nella redazione di un piccolo quotidiano aspettando da anni l'occasione per fare finalmente carriera e diventare una vera intervistatrice. 
Per un colpo di fortuna viene inviata ad intervistare Mike LoSanto, un fascinoso attore amato dalle donne e per cui Tori stessa ha un debole, ma il caso vuole che i due si ritrovino coinvolti in  un imprevisto e che questo porti Mike a rivelare a Tori la sua vera natura che è tutt'altro rispetto all'immagine di gentiluomo e latin lover che il mondo ha di lui. Se oltre al caso ci si mettono pure i paparazzi però, la situazione non può che precipitare, così Victoria si ritroverà invischiata nella macchina dello show business. Grazie alla persuasività del manager di Mike e alla prospettiva di lauti guadagni, abiti firmati e conoscenze importanti, Tori si lascia convincere a fingersi la fidanzata dell'attore stipulando un contratto di ferro con cui di fatto sacrificherà il suo lavoro e la sua privacy in cambio di notorietà e benefits.
In breve tempo Tori capirà cosa c'è in realtà dietro al glamour e al lusso delle riviste patinate e delle serate di gala e che, in un mondo in cui per emergere non occorre avere alcun talento, anche una sconosciuta come lei può diventare una star se affidata alle mani giuste. Tutto però ha un prezzo e la nostra protagonista lo imparerà a sua spese tra un servizio fotografico e un'ospitata in tv, tra una seduta di massaggi e un galà di beneficienza.
Come ormai saprà chi segue il blog da un po' di tempo, non sono una gran lettrice del genere chick lit, tuttavia ho passato ore piacevoli in compagnia di Tori, una protagonista intraprendente, ma un po' pasticciona che si ritrova coinvolta in situazioni al limite dell'assurdo e ho sorriso più volte per come l'autrice ha sistematicamente smontato e svelato le macchinazioni e gli inganni su cui si basa in buona parte il dorato mondo dei "belli e famosi".
Unici appunti che mi sento di fare riguardano il lato romantico della storia, che risulta poco approfondito, ma che in realtà non è neppure un elemento essenziale secondo me, mentre il finale è decisamente frettoloso.
Un lato decisamente positivo invece è il formato dei libri di questa collana che è piccolo e leggero e quindi comodo da portare i giro, ma allo stesso tempo curato e con delle covers molto femminili, ma non eccessive.
In conclusione una letture piacevole, spiritosa e leggera, perfetta per passare qualche ora in spensieratezza!

VOTO: 7-

lunedì 19 ottobre 2015

IL LIBRO DEL GIORNO # IO NON TI CONOSCO DI S.J. WATSON

Buonasera lettori di passaggio, oggi vorrei parlarvi di un romanzo la cui pubblicazione mi aveva intrigata molto, in fatti dopo aver letto L'amore bugiardo e La ragazza del treno ero curiosa di provare questo nuovo thriller psicologico. Ringrazio sentitamente la Piemme per avermi inviato una copia in ebook del romanzo in questione, ho apprezzato molto la loro gentilezza anche se purtroppo non sono riuscita ad apprezzare altrettanto il romanzo.


Autore: S.J. Watson
Editore: Piemme
Traduttore: S. Travagli
Dati: pp. 447, cartaceo €19,90, ebook €9,90.

La storia è narrata in prima persona da Julia, una fotografa di quasi quarant'anni che vive a Londra con il marito chirurgo e il figlio quattordicenne. Quella che sembra una vita tranquilla e ordinata viene sconvolta dalla morte di Kate, la sorella minore di Julia, uccisa e abbandonata in un vicolo di Parigi, città dove la ragazza viveva da qualche tempo. Oltre al dolore per la morte della sorella, Julia viene fortemente colpita anche dal senso di colpa, sia per aver lasciato Kate quando da ragazza avevo deciso di partire per la Germania con il fidanzato di allora, sia perché i rapporti tra le due sorelle erano da tempo tesi a causa di Connor, il figlio che Julia ha cresciuto come suo fin da piccolo, ma che in realtà è il figlio che Kate ha avuto a 16 anni e che non era in grado di mantenere.
Il dolore e la frustrazione per l'inconcludenza delle indagini destabilizzano Julia e la fanno allontanare dalle persone che le sono più care, come il marito che cerca di convincerla ad andare in terapia per superare il lutto senza ricadere nel vizio dell'alcool o Adrienne, la sua migliore amica, con cui nascono una serie di incomprensioni. L'unica che sembra capirla è Anne, la coinquilina di Kate, con la quale instaura in breve una solida amicizia e dalla quale Julia scopre che la sorella era solita chattare con diversi uomini grazie ai siti di incontri on line e che a volte li incontrava nella vita reale per una notte di sesso.
Sconcertata e allo stesso tempo incuriosita da questo lato della sorella che non conosceva, Julia decide di iscriversi ad uno di questi siti come Janye nella speranza di trovare qualche indizio su chi possa aver ucciso Kate e conosce un ragazzo una decina di anni più giovane di lei, attraente e premuroso, che inizia immediatamente a farle la corte.
Nonostante il senso di colpa dovuto al fatto di agire alle spalle del marito, Julia decide di proseguire la conoscenza di Lukas anche quando questa si fa più intima e illudendosi di avere una possibilità di scoprire l'assassino di Kate, decide di incontrare il giovane di persona. Tra i due esplode immediatamente la passione, una passione divorante che per Julia diventa quasi una dipendenza e che la porta a rivelare a Lukas segreti e fantasie, ma che con il passare del tempo diventa sempre più pericolosa perché rischia di farle perdere tutto quello che ha costruito, la sua famiglia e soprattutto suo figlio. 
L'idea del romanzo, anche se non particolarmente originale, è comunque abbastanza interessante e lo stile dell'autore è veloce e semplice così da rendere il romanzo una lettura poco impegnativa, tuttavia tante, troppe cose non mi sono piaciute a partire dal fatto che sebbene la storia prenda avvio dalla morte di Kate, questa appare da subito un espediente narrativo e nient'altro. Non solo non si sa quasi nulla di Kate, ma non si sa neppure nulla su che cosa sia potuto succedere, non si accenna quasi ad un indagine, a qualche teoria, non ci sono sviluppi di sorta fin quasi alla fine del romanzo. Julia stessa non parla mai con la polizia delegando l'incarico al marito. 
La parte più consistente del romanzo è incentrata sulla relazione tra Julia e Lukas, sul loro avvicinamento e sulla passione che li travolge tanto da far credere a Julia di essere davvero innamorata, fino a quando l'idillio comincia a creparsi e a lasciar entrare l'ombra del dubbio riguardo la vera natura e le reali intenzioni dell'uomo. Questa parte del romanzo secondo me manca completamente di tensione e questo per un thriller è imperdonabile. Il personaggio di Lukas non ha niente di inquietante e alcune situazioni in cui la protagonista si trova coinvolta mi sono sembrate involontariamente comiche.
Il problema più grosso del romanzo è probabilmente proprio la protagonista, una donna che si dimostra per tutto il romanzo contraddittoria ed egocentrica. Tutto ciò che fanno o provano gli altri personaggi ha valore solo in riferimento a lei, a quello che prova lei e questo vale sia per il figlio, che lei teme si allontani, sia per il marito che ha problemi sul lavoro e che lei accusa inconsciamente di non capire il suo dolore tacitando in questo modo il senso di colpa dovuto al tradimento, che per gli altri personaggi. 
Anche se le viene fatta notare l'inutilità di indagare nei siti di incontri on line già passati al setaccio dalla polizia, Julia si convince di doverlo fare per Kate e per Connor, mentre in realtà, via via che si lascia coinvolgere nel rapporto con Lukas, diventa sempre più evidente che il vero motivo non è risolvere il mistero intorno alla morte della sorella, ma piuttosto riprovare certe sensazioni perdute e una parte di sé ormai sedata da anni, la Julia giovane e innamorata che viveva in una casa occupata di Berlino in mezzo ad artisti, giramondo e droghe. Spesso leggendo mi è capitato di prendermi a schiaffi sulla fronte all'ennesima sciocchezza detta o fatta dalla protagonista, che dimostra più e più volte di non voler veder o sentire quello che al lettore pare chiaro e limpido. Anche il finale non viene risollevato dal colpo di scena che sembra studiato per sorprendere, ma che appare davvero poco realistico, inoltre il lettore viene lasciato ulteriormente con l'amaro in bocca perché ci sarebbe stata la possibilità di avere qualche ulteriore spiegazione, la descrizione di quello che potrebbe essere il futuro dei personaggi, invece viene lasciato tutto in sospeso, in un limbo in cui nessuno vince e nessuno perde perché in realtà nessun personaggio è dalla parte del giusto.
In un thriller psicologico in qui l'idea centrale sembra essere quella di dimostrare come nessuno è davvero come sembra, le rivelazioni mi sono sembrate davvero troppo affrettate, le spiegazioni superficiali.
In sostanza non sono rimasta soddisfatta da questa lettura in cui, a mio parere, i difetti superano abbondantemente i pregi, ma non escludo di recuperare altro di questo autore e magari di ricredermi.
Fatemi sapere se avete letto questo libro e se a voi invece è piaciuto.
Ala prossima e buone letture!

VOTO: 6

mercoledì 14 ottobre 2015

WWW Wednesdays # 21


Buongiorno lettori di passaggio, dopo una settimana di pausa torna la rubrica WWW Wednesdays.

1) Che cosa stai leggendo in questo momento?

In questo periodo di letture multiple e piuttosto caotiche sto ancora leggendo Hugo e Rose di Bridget Foley, un romanzo che non poteva non colpire una sognatrice impenitente come me, ma che trovo anche molto malinconico. Inoltre ho appena iniziato a leggere un altro dei miei ultimi acquisti, un libro per ragazzi, Olympos. Diario di una dea adolescente di Teresa Buongiorno.


2) Cosa hai appena finito di leggere?

Oltre a Chelsea & James di Giuseppe Cozzo di cui ho parlato più approfonditamente nel precedente post, ho appena terminato il mio primo romanzo grafico, Jane, la volpe & Io di Arsenault e Britt, una storia di solitudine e bullismo tra ragazzi raccontata con semplicità e delicatezza e con illustrazioni intense e poetiche. Infine ho terminato la lettura di Io non ti conosco di S.J. Watson, un thriller uscito da poco e che mi è stato gentilmente inviato in ebook dalla casa editrice Piemme. Di quest'ultimo libro parlerò più nel dettaglio in un altro post, ma posso già anticiparvi di essere rimasta piuttosto delusa da questa lettura.



3) Quale sarà la tua prossima lettura?

Riguardo alle prossime letture non ho ancora le idee molto chiare, ma tra queste ci sarà sicuramente un breve romanzo che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice CentoAutori, Non voglio essere famosa! di Elena Depaoli, Avevo già avuto modo di leggere il primo romanzo di questa nuova collana "A cuor leggero " e anche se non era esattamente uno dei miei generi preferiti, l'avevo trovato una lettura carina e leggera, quindi sono molto curiosa di vedere se mi piacerà anche questo.


L'appuntamento con la rubrica WWW Wednesdays si conclude qui. Fatemi sapere se avete letto qualcuno di questi libri e che cosa ne pensate e fatemi sapere quali sono le vostre letture del momento!


martedì 13 ottobre 2015

IL LIBRO DEL GIORNO # CHELSEA & JAMES DI GIUSEPPE COZZO

Bentrovati lettori di passaggio, oggi con il mio consueto ritardo vorrei parlarvi di un romanzo inviatomi gentilmente dall'autore, Chelsea & James di Giuseppe Cozzo.
Avevo letto molti pareri in giro per il web e ne ero stata molto incuriosita, quindi quando mi è stato proposto di leggerlo ho accettato con grande entusiasmo e mi scuso per averci messo così tanto, ma questo è uno dei miei periodi di letture caotiche, ovvero ho una moltitudine di letture iniziate che tolgono tempo l'una all'altra. Tornando al romanzo però posso assicurarvi che non ne sono rimasta affatto delusa, al contrario sono rimasta sorpresa da questa lettura.


Titolo: Chelsea & James
Autore: Roberto Giuseppe Cozzo
Editore: Kindle Direct Publishing di Amazon
Dati: pp. 181, €6,24.

La storia ci viene raccontata direttamente da James, un ragazzo di nemmeno vent'anni che sta fuggendo da qualcosa, senza una meta precisa da raggiungere e vivendo di espedienti e piccoli furti. Arrivato in un'anonima cittadina del Texas si imbatte in una ragazza che si dimostra allo stesso tempo gentile e diffidente nei suoi confronti. Chelsea infatti è abituata a guardarsi le spalle perché da anni vive in una condizione di estremo disagio, orfana di madre e lasciata sola dai fratelli a vivere con un patrigno ubriacone e violento. La miseria e l'ingiustizia delle loro esistenze permette ai due ragazzi di sentirsi vicini fin da subito, tanto da progettare di lasciare insieme la città. Chelsea tuttavia è titubante, in fondo conosce quel ragazzo di poche parole solo da un giorno. La situazione precipita quando tre uomini, che danno la caccia a Chelsea a causa di un debito, riescono a scovare i due ragazzi e quello che poteva sembrare l'inizio di un'avventura on the road si trasforma nell'inizio di una tragedia. 
La violenza respirata e subita per anni affiora anche nei due protagonisti che scappano tagliando definitivamente i ponti con il passato e decidendo di vivere l'uno per l'altra secondo un loro personale codice etico. Tra i due si instaura un sodalizio esclusivo basato sulle affinità caratteriali e di esperienze vissute, su una comunione di intenti che modella la morale comune secondo la loro personale idea di giustizia, su un amore istantaneo e assoluto come solo quello di due ragazzi poco più che adolescenti può essere.
A colpirmi molto durante la lettura è stato anche lo stile dell'autore che mi è sembrato scorrevole, ma curato, maturo per la sua giovane età, molto cinematografico in alcuni punti. Il racconto coinvolge subito il lettore nella vicenda nonostante il riserbo dei personaggi e l'ultima parte è decisamente incalzante. Ci sono state tuttavia alcune cose nel romanzo che non mi hanno convinta, come il fatto che nonostante la vicenda sia narrata in prima persona dal punto di vista di James, questo non aiuti il lettore ad empatizzare con i protagonisti che ho percepito come freddi per la maggior parte del tempo e questo è forse dovuto anche ad un eccessivo ricorso alla violenza da parte dei due in alcune occasioni in cui a mio parere non sarebbe stata necessaria e non avrebbe cambiato la loro caratterizzazione. Alcune riflessioni su certi temi che stanno alla base dell vicenda, come la giustizia e la morale, se pur interessanti, sono forse collocate in momenti sbagliati, in cui dovrebbe prevalere l'azione e non risulta credibile che il protagonista possa avere la lucidità e il tempo per pensare o dire certe cose.
Al di là di questi particolari comunque ho apprezzato la lettura di questo romanzo e credo sia un esordio davvero promettente.

VOTO: 7+

mercoledì 7 ottobre 2015

IN MY MAILBOX


Bentrovati lettori di passaggio, oggi è mercoledì, ma le mie letture al momento vanno più a rilento del solito e, un po' per mancanza di tempo, un po' per mancanza di ispirazione, ho una pila di letture iniziate che languono sul comodino in attesa di essere portate a termine. Quindi al posto della consueta rubrica WWW Wednesdays, visto che da un po' di tempo non vi mostro i miei  acquisti letterari, oggi vi propongo la rubrica In My Maibox per presentarvi i tanti, troppi, nuovi arrivi nella mia libreria. alcuni dei quali risalgono alla scorsa estate, mentre i più recenti fanno parte di un ordine on line che mi è arrivato la scorsa settimana.
Partendo dagli acquisti più vecchi, in luglio ho approfittato della promozione che coinvolgeva diverse case editrici e che prevedeva il 25% di sconto su tutti i titoli e ho preso Vetro di Giuseppe Furno, un romanzo ambientato nella Venezia del 1500 edito da Longanesi e La Monaca di Simonetta Agnello Hornby edito Feltrinelli.


Sempre con il 25%  di sconto mi sono accaparrata un romanzo grafico di cui avevo sentito parlare benissimo e che ha delle illustrazioni meravigliose, Jane, la volpe & Io di Isabelle Arsenault e Fanny Britt e due piccoli libri per ragazzi, Storia d'autunno e Storia d'inverno, I racconti di Boscodirovo di Jill Barklem, anche questi illustrati splendidamente.



In un mega ordine sul sito Mondadoristore ho fatto decisamente dei buona affari portandomi a casa con il 40% di sconto Follia di Patrick McGrath che avevo in wish list da secoli, In piedi sull'arcobaleno di Fannie Flagg, di cui non ho ancora letto nulla, ma di cui sento sempre parlare benissimo, La ragazza di Giada di Lisa See, un'autrice di cui ho già letto Fiore di neve e il ventaglio segreto e un altro libro per ragazzi di cui sento parlare da anni, Olympos. Diario di una Dea adolescente di Teresa Buongiorno.




Infine, con il 55% di sconto mi sono portata a casa Maisie Dobbs di Jacqueline Winspear, una detective story al femminile ambientata negli anni Venti e  la trilogia di Katherine Pancol, che comprende Gli occhi gialli dei coccodrilli, Il valzer lento delle tartarughe e Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì, trilogia di cui in verità non so molto, ma che mi incuriosisce e che ho deciso di prendere in blocco visto che grazie alla promozione ho speso poco più di 8€ per tutto il cofanetto.


In questo momento le mie librerie stanno davvero scoppiando, quindi dovrò per forza cercare di limitare gli acquisti nei prossimi mesi, puntando magari di più sugli ebooks o sui prestiti, ma posso decisamente ritenermi soddisfatta sia per aver scovato dei buoni affari, sia per avere una ricca scelta di letture che mi aspettano!
Fatemi sapere cosa pensate dei miei acquisti letterari e se ne avete letto qualcuno fatemi sapere come lo avete trovato. Al prossimo post e buone letture!


lunedì 5 ottobre 2015

IL MIO PRIMO AMORE BOOK TAG

Bentrovati lettori di passaggio, inauguriamo una nuova settimana qui sul blog rispondendo ad un Tag particolare che consiste nel rispondere ad una sola domanda. 
Ringrazio tantissimo Chicca del blog Libri in Tavola per aver nominato il mio blog e vi espongo le tre semplici regole per partecipare al Tag:

1) Utilizzare questa immagine:


2) Nominare altri tre blog che si desidera rispondano a loro volta al Tag.

Le mie scelte sono:




3) Rispondere a questa domanda:

Qual è il libro che vi ha fatto innamorare perdutamente della lettura?

Domanda tutt'altro che facile, specialmente per chi come me non ricorda esattamente quando ha iniziato a non poter più fare a meno dei libri!
Ricordo che il primo romanzo vero e proprio che ho letto e riletto fino ad impararne delle pagine a memoria è stato Piccole donne di Louisa May Alcott, un libro che amo ancora moltissimo, che mi ha commossa, mi ha fatta sorridere e mi ha fatto imparare anche tante cose.


Ancora prima però ricordo di aver adorato alcuni libri di favole nella versione Disney tra i quali i miei preferiti erano senz'altro Elliott il drago invisibile e Biancaneve e i  sette nani e che sono stati sfogliati, letti e persino scarabocchiati così tanto da cadere letteralmente a pezzi!
Crescendo per fortuna non ho perso la curiosità verso i libri e l'amore per la lettura e questo mi permette di illuminarmi ogni volta che leggo qualcosa che mi colpisce, di sentirmi euforica una volta terminata una bella lettura, di indignarmi quando un libro invece mi delude e di avere sempre voglia di leggere nuove storie a cui appassionarmi!

E voi avete un libro del cuore! Quali sono state le letture che vi hanno fatti diventare i lettori che siete adesso? Fatemelo sapere nei commenti e buone letture!