lunedì 1 agosto 2016

Il libro del giorno # La sirena meccanica di Giada Bafanelli

Ben trovati lettori di passaggio, oggi cercherò di combattere il caldo parlandovi di una lettura che mi ha trasportata nelle profondità del mare e con cui partecipo alla terza tappa della Challenge Lgs:
- Un libro con una donna raffigurata in copertina.


Titolo: La sirena meccanica
Autore: Giada Bafanelli
Dati: pp.136, ebook €0,99.

Quando mi è stato proposto di leggere questa storia ho accettato subito con entusiasmo perché non mi era mai capitato di leggere nulla a proposito di sirene e creature marine e mi aspettavo un retelling della Sirenetta che si rifacesse alla favola classica. Invece sono rimasta davvero stupita da questo racconto la cui protagonista è una creatura ancor più particolare rispetto alle sirene del nostro immaginario. 
Nym infatti era una bambina umana quando, anni prima, l' aereonave su cui viaggiava con il padre si è spezzata in volo e inabissata uccidendo tutti i passeggeri eccetto pochi feriti gravi che hanno trovato la loro salvezza in Ran, un'anziana scienziata ritiratasi a vivere nelle profondità del mare. 
Esperta di ingegneria e medicina Ran impianta nei feriti protesi meccaniche, tra cui code e branchie, che permettano loro di vivere e muoversi sott'acqua. Nym è ormai da anni un membro di questa segreta comunità di sirene meccaniche, ma nonostante l'affetto che prova per i suoi compagni e soprattutto per Ygg, il suo migliore amico, desidera fortemente poter tornare a vivere sulla terraferma. Quando trova delle gambe meccaniche in un relitto arriva al punto di lasciare la sicurezza della grotta delle sirene durante la notte per poter recuperare quelle protesi, ma il naufragio di un'altra aeronave mette in pericolo la vita di Ygg, mentre Nym è impegnata a riportare in superficie un giovane marinaio ferito. Le conseguenze delle sue azioni allontaneranno Nym dai suoi amici e la spingeranno ad insistere affinché Ran le impianti le gambe meccaniche al posto della coda. 
Una volta sulla terraferma però Nym dovrà nascondere il segreto della sua natura perché la società non accetta le persone diverse soprattutto se disabili o cyborg. Una volta trovata una relativa sicurezza come serva all'interno di un tempio, Nym farà la conoscenza della bella Leandra e del suo innamorato, Johan, il giovane marinaio da lei salvato e che non ha mai dimenticato. In preda ai turbamenti del cuore e alla nostalgia per la sua famiglia di sirene, Nym scoprirà che ci sono altri segreti in gioco e una grave minaccia che incombe. 
Quello creato dall'autrice è un mondo molto particolare, una sorta di realtà del futuro in cui macchine e robot sono utilizzati per aiutare gli umani nel lavoro, ma allo stesso tempo i cyborg e le persone con protesi o problemi fisici sono ghettizzati e costretti a nascondersi da una società che, nonostante i progressi della scienza sembra essersi imbarbarita.
Per certi versi questa realtà mi ha ricordato la Nuova Pechino di Cinder, il primo volume della saga di Marissa Meyer e mi sarebbe piaciuto che l'autrice spendesse qualche parola in più per spiegare al lettore gli eventi che hanno portato all'instaurarsi di questa società e le sue caratteristiche.
Per quanto riguarda la narrazione invece sono rimasta piacevolmente colpita dalla fluidità dello stile dell'autrice e dall'originalità delle trovate, tanto che il colpo di scena nella seconda parte del racconto mi ha lasciata a bocca aperta. In genere non sono particolarmente attratta da questo genere di tematiche e non ho familiarità con lo steampunk e le sue derivazioni, ma ho letto questa storia davvero con piacere. Unico neo riguarda l'edizione che presenta un paio di ripetizione e diversi refusi.
Comunque mi sento di consigliare questa lettura sia a chi, come me, vuole leggere qualcosa di diverso dal solito, sia a chi ama la figura della sirena e vuole leggere una originale variazione sul tema.

VOTO: 7+