sabato 23 settembre 2017

Sul comodino della Libraia #1

Ben ritrovati lettori di passaggio, oggi vorrei proporvi il primo appuntamento con una nuova rubrica, Sul comodino della Libraia, che prenderà il posto di un'altra rubrica, ovvero il WWW Wednesdays. I motivi di questa sostituzione sono semplice, innanzi tutto, come avrete avuto modo di vedere più volte, difficilmente riuscivo s rispondere al terzo quesito della suddetta, ovvero quale sarebbe stata la mia prossima lettura e anche quando lo facevo, difficilmente poi leggevo davvero quel determinato titolo, inoltre questa nuova rubrica mi permetterà comunque di parlarvi delle mie letture recenti e delle letture del momento, ma sarà a scadenza variabile e quindi non legata ad un determinato giorno della settimana. Insomma un modo più elastico per potervi parlare liberamente di libri e fare il punto della situazione sulle mie letture insieme a voi.


LE MIE LETTURE RECENTI

Quest'anno ho aspettato l'arrivo di settembre davvero con impazienza visto che non ne potevo più dell'estate afosa appena trascorsa e ho deciso di festeggiare l'inizio dell'autunno comprando un volume che ancora mi mancava della serie più famosa di M.C. Beaton , Agatha Raisin. Amore, bugie e liquori. Come sempre mi sono divertita a seguire le vicende tragicomiche della nostra Agatha questa volta impegnata nella caccia all'assassino di una donna appariscente e volgare conosciuta in una località balneare assai scadente in cui Agatha si trova con James. Quest'ultimo come si dimostra il solito James, egoista e insensibile, ma questa volta Agatha sembra non essere più disposta a tollerare, tanto più che ormai la sua agenzia investigativa è avviata ed ha al fianco dei collaboratori fidati. La signora Bloxby, la moglie del pastore di Carsely, si dimostra ancora una volta un'amica preziosa, mentre Charles, il baronetto che entra ed esce dalla vita di Agatha a suo piacimento, questa volta da il peggio di sé in quanto ad egoismo e superficialità. Il caso da risolvere invece è intricato al punto giusto ed al primo omicidio si susseguono sospetti, aggressioni, ritrovamenti di gioielli e perfino un rapimento. 
Insomma una lettura davvero godibile a cui assegnerei un bel 7 e 1/2.
Dopodiché, sempre in cerca di una lettura di conforto, ho deciso di rileggere uno dei miei romanzi preferiti in assoluto, Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, in questa bellissima edizione illustrata da Alice Pattullo, che mi sono auto regalata lo scorso compleanno. Il romanzo non ha certo bisogno di presentazioni né di commenti da parte mia, vi dico solo che a distanza di diversi anni dall'ultima rilettura, è stato un piacere enorme rileggerlo e nonostante sia impossibile non notare qualche minimo difetto nei personaggi, il fascino di questa storia e la maestria con cui è scritta non smettono mai di incantarmi.


LE LETTURE SUL COMODINO

Attualmente sto terminando la lettura di breve romanzo che mi era stato inviato tempo fa da una casa editrice, Il ritorno di zia Adelina di Carmela Pregadio, libro che ha atteso per mesi nella mia libreria per essere letto perché si tratta del seguito di un precedente romanzo, Si fa presto a dire mamma, che invece non possiedo e non ho avuto modo di leggere. Una volta iniziato però ho potuto constatare che la trama risulta comunque chiara e gli sviluppi nei rapporti tra i personaggi non sono difficili da seguire. Tuttavia, nonostante l'autrice dimostri confidenza con la scrittura e lo stile sia gradevole, la storia in sé non mi ha particolarmente coinvolta e quindi nonostante la brevità del volume, la lettura si sta trascinando da un po'. L'altro romanzo che sto leggendo e che invece si sta dimostrando una lettura molto affascinante è Una Vergine sciocca di Ida Simons, pubblicato per la prima volta nel 1959, poco prima della morte dell'autrice, un'apprezzata pianista sopravvissuta ai campi di concentramento, ma poi dimenticato per anni fino alla ristampa di poco tempo fa.
Il romanzo ha una forte connotazione autobiografica, infatti la protagonista, la tredicenne Gittel è un'aspirante concertista di buona famiglia, ma costantemente in difficoltà economiche, che racconta la vita della comunità  ebraica degli anni venti tra Germania e Paesi Bassi.


Questa era il primo appuntamento con questa nuova rubrica, Sul comodino della Libraia. Fatemi sapere se l'idea vi piace e se avete suggerimento opinioni o consigli non esitate e lasciatemi un messaggio sotto al post!