venerdì 27 ottobre 2017

Il libro del giorno # La lunga notte di Linda Castillo

Ben ritrovati lettori di passaggio, finalmente trovo il tempo per parlare di libri con voi e nello specifico dell'ultimo romanzo che ho terminato. Si tratta di un thriller, La lunga notte, secondo volume della serie con protagonista Kate Burkholder scritta da Linda Castillo. Nonostante non abbia letto il primo volume, Costretta al silenzio, non ho avuto nessun problema ad entrare nella storia di questo secondo romanzo perché i protagonisti ci vengono presentati esaustivamente e i collegamenti con i fatti riguardanti il volume precedente sono tutti chiaramente spiegati.


Titolo: La lunga notte
Autrice: Linda Castillo
Editore: Time Crime
Dati: pp. 416, €7.70

Kate Burkholder è la giovane capo della polizia di Painters Mill, una cittadina di provincia dell'Ohio, in cui vive una numerosa comunità Amish. La stessa Kate faceva parte di quella comunità prima che alcuni tragici eventi accaduti durante la sua adolescenza non la spingessero a lasciare la sua famiglia e la chiesa. Proprio le sue origini le permettono di mantenere rapporti perlopiù amichevoli con le famiglie Amish, dedite al lavoro e poco inclini ad avere a che fare con chi non fa parte del loro mondo, gli Englishers, e soprattutto con le autorità. Una notte però il tranquillo isolamento in cui vive la comunità Amish, viene spezzato dall'omicidio efferato dell'intera famiglia Plank. Quello che la polizia si trova davanti è un vero e proprio massacro che non ha risparmiato nemmeno i bambini e le cui modalità dimostrano un particolare accanimento contro le due sorelle adolescenti, la sedicenne Annie e la quindicenne Mary. Da un giorno all'altro la squadra di Kate si trova a passare dai normali problemi di una cittadina apparentemente tranquilla, ad avere a che fare con l'inspiegabile sterminio di una intera famiglia, per di più pacifica e senza ombre come una famiglia Amish.
A aiutare la polizia di Painters Mill si aggiunge anche John Tomasetti, un agente del BCI con il quale Kate ha instaurato una sorta di relazione a distanza. Entrambi sono stati duramente segnati dalla vita e non hanno ancora risolto tutti i dolorosi nodi che li legano al passato, ma insieme sembrano avere una affiatamento in grado di favorire le indagini che si prospettano tutt'altro che semplici,
Senza dubbio la parte più affascinante del romanzo riguarda l'ambientazione in questa cittadina americana all'apparenza comune e la presenza della comunità Amish di cui ci vengono via via spiegati usi, costumi e regole. Anche gli elementi più strettamente thriller sono piuttosto ben congegnati e l'autrice non risparmia al lettore dettagli sgradevoli e la scoperta di verità non facili da digerire. Quello che invece mi ha convinto meno è stata l'dea dell'autrice di raccontare la maggior parte della vicenda dal punto di vista di Kate, con una narrazione all'indicativo presente che, a mio parere, non si addice particolarmente a questo genere di thriller. Inoltre ho trovato i protagonisti eccessivamente stereotipati, entrambi poliziotti induriti dalla vita, entrambi segnati da tragici eventi, entrambi tormentati da passato. Per quasi tutto il libro per me se non rimasti niente più di due figurine di carta, talmente ammantati dalla loro caratteristiche da poliziotti di thriller, da essere difficilmente immaginabili come due persone in carne ed ossa e a peggiorare la situazione anche un esagerato uso di frasi fatte e di luoghi comuni da parte dell'autrice soprattutto nelle riflessioni di Kate. Con l'andare avanti della storia tuttavia, il personaggio di Kate acquista un po' di spessore soprattutto grazie all'approfondimento delle indagini, concentrate in particolare sulla vita di Mary e sugli inevitabili parallellismi che affiorano nella mente delle protagonista tra la giovane Amish uccisa e se stessa adolescente. Nonostante l'idea di partenza mi sia quindi piaciuta e che il finale, seppur con qualche illogicità, sia comunque incalzante, la risoluzione del delitto risulta abbastanza intuibile dalla metà della narrazione e in sostanza il romanzo non ha soddisfatto pienamente le mie aspettative. 
Tuttavia mi sento di consigliarlo a che è affascinato o solo incuriosito dalla comunità Amish e a chi ama i classici thriller d'azione.

VOTO: 6 e 1/2 


sabato 14 ottobre 2017

TBR TAG GAME

Bentrovati lettori di passaggio, negli ultimi giorni, complice un principio di influenza, ho avuto tempo e modo di dare un' occhiata piuttosto accurata alle mie librerie e in particolar modo a tutti i volumi che devo ancora leggere. Ho pensato di stilare una Tbr autunnale, ma visto che siamo già a metà ottobre e che difficilmente, come sapete, riesco s seguirle, ho pensato invece di proporvi questo TBR TAG GAME che ho scovato in un dei blog che seguo, La Bella e il Cavaliere e che è stato ideato da Bene del blog Books on Clouds.


Queste sono le regole per rispondere al Tag:
  • Per ogni punto della lista si possono aggiungere un massimo di 10 libri. Se volete potete aggiungere vostre spiegazioni personali sui libri che volete.
  • Se i generi elencati non sono i vostri preferiti potete cambiarli. L'importante è che rimanga almeno il genere che volete esplorare e sui cui ancora non siete pratici e possibilmente un genere che ritenete più difficile da affrontare.
  • Se vi va di riproporre questo tag nei vostri blog, ricordate di citare Bene di Books on Clouds e di inserire il link del tag sul suo blog.
1) I 5 LIBRI ATTUALMENTE IN CIMA ALLA MIA TBR



2) LE SERIE CHE HO INIZIATO E CHE VOGLIO CONTINUARE

 
Attualmente le uniche due serie già iniziate e che sono intenzionata a proseguire sono la trilogia di Kathryn Littlewood, di cui però il terzo volume è praticamente introvabile, almeno in copertina rigida e la trilogia di Ransom Riggs di cui ho preso il secondo volume diversi mesi fa, ma che ancora non ho avuto modo di leggere.

3) LE PRINCIPALI SERIE CHE VORREI INIZIARE

Benché stia cercando di evitare il più possibile di iniziare nuove serie più o meno lunghe, mi sono lasciata incuriosire dalla saga familiare dei Cazalet e ho approfittato dell'offerta 2x1 Fazi dell'estate scorsa per recuperare i primi due volumi, mentre ho recuperato tramite scambio anche i primi due volumi delle avventure di Agata De Gotici, una serie per ragazzi.

4) I LIBRI CHE HO AGGIUNTO ALLA TBR PRINCIPALMENTE PER LA COPERTINA

 
Di entrambi i libri sono stata attratta soprattutto dalla trama, ma ammetto che le copertine in questo caso hanno fatto la loro parte, peccato solo che ancora debba leggerli!

5) TOP OF MISTERY/THRILLER BOOKS

Ebbene sì, nono ho mai letto nulla di Dan Brown, ma avendo nella libreria di casa i primi tre volumi della serie con protagonista Robert Langdon, mi sembra davvero il caso di dargli una possibilità! Il secondo invece è un thriller ambientato in una comunità Amish, particolare che mi rende particolarmente curiosa, mentre il terzo è l'unico romanzo di Agatha Crhistie che già posseggo, ma che devo ancora leggere.

6) TOP FANTASY BOOKS

Poco più di un anno fa ho trovato in saldo il cofanetto contenente la prima trilogia di Terry Brooks su Shannara e non me lo sono lasciata scappare, peccato che sia ancora lì che mi guarda male dalla libreria, mentre de Il segno del destino avevo addirittura due copie e nonostante non sappia più nemmeno quando e perché lo avevo comprato, non l'ho ancora letto.

7) TOP CLASSIC BOOKS

Per questa categoria in realtà non mi basterebbe un papiro, ma mi limiterò a mostrarvi questi tre titoli in particolare.

8) TOP ITALIAN BOOKS

Questa è una categoria che ho aggiunto io al Tag, visto che tendo sempre a trascurare gli autori italiani e questi due in particolare sono romanzi che ho da un po' in libreria e che non vedo l'ora di leggere!

9) LIBRI DI UN GENERE CHE SOLITAMENTE NON LEGGI

Benché non sappia molto di questi due romanzi e li abbia presi un po' a scatola chiusa, mi sono fatta l'idea che siano romanzi con una forte componente "sentimentale", genere che leggo raramente, come leggo raramente romanzi rosa, new adult o erotici, ma visto che mi hanno in qualche modo attirata e indotta all'acquisto sono curiosa di tentare la lettura di entrambi.

Questi sono alcuni dei (tanti, troppi...) volumi presenti nella mia Tbr. Fatemi sapere se li avete letti e che che cosa ne pensate e se vi va provate anche voi a mettere ordine nelle liste di libri da leggere con questo Tag.

mercoledì 4 ottobre 2017

Acquisti letterari d'Autunno #1


Ben ritrovati lettori di passaggio, mi scuso per l'assenza, ma negli ultimi giorni ho avuto più cose da fare di quante ne avessi programmate e poi, ormai lo sapete, "disorganizzazione" è il mio secondo nome...
Comunque ne approfitto per mostrarvi le nuove entrate nella mia libreria in questo inizio di Autunno.


L'unico volume acquistato a prezzo pieno è stato La bussola d'oro di Philip Pullman, primo volume di una trilogia che ho sempre avuto la curiosità di leggere, ma di cui ho sempre rimandato l'acquisto. Adesso, in occasione dell'uscita del nuovo romanzo dell'autore, ho pensato che fosse arrivato il momento per avventurarmi in questa lettura.


Con un ordine su IBS invece ho preso tre romanzi che si trovavano tra i Remainders e che ho pagato con il 70% di sconto: Qualcuno da amare di Barbara Pym, autrice di cui ho già letto tre romanzi e che trovo estremamente rilassante; Olivia di Dorothy Strachey di cui non so molto, ma che ho preso perché incuriosita dalla stretta parentela dell'autrice con Lytton Strachey, membro del Bloomsbury Group e amico di Virginia Woolf; Le vergini suicide di Jeffrey Eugenides che invece ho acquistato per mera curiosità.


Infine, su AccioBooks, ho ottenuto in scambio tre romanzi per ragazzi che mi incuriosivano da parecchio: Agata De Gotici e il fantasma del topo di Chris Riddell e il seguito Agata De Gotici e la festa dei misteri, primi due volumi di una serie di libri illustrati le cui edizioni sono davvero curate; Coraline di Neil Gaiman, romanzo famosissimo che non ho ancora letto, ma che pensavo di riservarmi per il periodo di Halloween.

Questi sono i miei acquisti dell'ultimo periodo, fatemi sapere che cosa ne pensate e che cosa avete acquistato voi in questo inizio d'Autunno.